Schiaffi e piatti contro la moglie malata di Parkinson, patteggia 18 mesi

Ha concordato la pena questa mattina il 70enne di Melendugno accusato di aver maltrattato la consorte, spesso in preda ai fumi dell’alcol

MELENDUGNO - Ha patteggiato un anno e mezzo di reclusione, col beneficio della pena sospesa, il 70enne di Melendugno accusato di aver picchiato la moglie malata di parkinson.

La condanna è stata concordata in mattinata dall'avvocato difensore Francesco Stella col giudice Cinzia Vergine.

Si chiude così l'inchiesta aperta per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali avviata in seguito alla denuncia sporta dalla donna. Che, stando alle indagini, fin dall'inizio del matrimonio, avrebbe subito attacchi non solo verbali da parte di un coniuge il più delle volte ubriaco: dagli schiaffi al lancio di oggetti, come bottiglie, posate, piatti. In un'occasione, nel dicembre 2017, il 70enne avrebbe aperto violentemente la porta colpendola sulla fronte, con l’effetto di procurarle un trauma cranico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le continue vessazioni spinsero così la malcapitata a chiedere ospitalità alla sorella e a rivolgersi, oltre che alla magistratura, al centro antiviolenza di Martano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Auto reimmatricolate in Italia con documenti falsi: un salentino nei guai

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

Torna su
LeccePrima è in caricamento