Schianto mortale con la Kawasaki contro muretto a secco

Una domenica di sole di inizio estate funestata dall'ennesima tragedia sulla strada. A perdere la vita un giovane, Ivan Orlando, di Neviano, intonacatore. L'incidente sulla provinciale per Tuglie

Quel che resta della Kawasaki dopo la tragedia
NEVIANO - Una domenica di sole di inizio estate funestata dall'ennesima tragedia sulla strada. A perdere la vita un giovane di 30 anni, Ivan Orlando, di Neviano, intonacatore, appassionato di motociclismo, uscito improvvisamente fuori strada mentre percorreva in sella alla sua Kawasaki 750 la provinciale che dal suo paese natio conduce a Tuglie.

Non si conoscono ancora le cause che hanno procurato la caduta del centauro. Nessun altro mezzo infatti è rimasto coinvolto nell'incidente, avvenuto nel tardo pomeriggio e tutto fa presagire - l'esatta dinamica è ancora al vaglio dei carabinieri della stazione di Neviano intervenuti sul luogo per i rilevamenti di rito - che la vittima abbia perso il controllo della potente moto per poi schiantarsi, dopo una disperata frenata di circa 15 metri, contro un muretto a secco che costeggia quel tratto di provinciale.

A dare l'allarme gli automobilisti che transitavano in quel momento lungo la strada. Purtroppo quando sul luogo della tragedia è giunta un'ambulanza del 118, i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del giovane. La vittima non dava segni di vita e la sua due ruote è apparsa irriconoscibile, ridotta a un groviglio di ferro. Poco prima che si verificasse l'incidente, Ivan Orlando era stato visto girare in paese con la sua moto. Poi, trascorso poco tempo è giunta a Neviano la notizia sulla tragedia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

Torna su
LeccePrima è in caricamento