homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Secondo incendio e questa volta l'abitazione finisce del tutto in fiamme

Davvero bizzarra la vicenda che riguarda Francesco Preite, 45enne di Taurisano e Sergio Caputo, 50enne di Matino. Loro sono sempre in carcere e per la seconda volta è divampato un rogo nell'abitazione di via Manzoni. Ora, però, le fiamme hanno distrutto tutto

Repertorio.

TAURISANO – Questa volta il fuoco non s’è fermato sull’uscio. Questa volta le fiamme hanno fatto il loro “lavoro” fino in fondo, distruggendo tutto. Davvero bizzarra la vicenda che riguarda Francesco Preite, 45enne di Taurisano e Sergio Caputo, 50enne di Matino. Loro sono sempre in carcere con le accuse di incendio doloso, tentato omicidio e atti persecutori, e proprio un incendio per ben due volte è stato appiccato nella casa di proprietà del primo, dove abita anche il secondo.

Solo che, mentre nella prima occasione, alla vigilia di Capodanno, le fiamme si erano estinte da sole, questa volta arredi e mobilio sono stati arsi. Il fatto è avvenuto intorno alle 21 di ieri in via Manzoni. Ed è chiaro che, nonostante non vi siano questa volta evidenti segni di dolo, sia quella la pista seguita dagli investigatori del commissariato di polizia di Taurisano, che già nella prima occasione erano intervenuti. L’incendio è stato spento dai vigili del fuoco.  

Come noto, entrambi sono finiti in arresto con l’accusa di aver minacciato la sorella di Preite e il marito della donna, per motivi a quanto pare legati all’eredità, fino ad arrivare a un vero e proprio raid incendiario nell’abitazione nel quale la donna ha rischiato di morire soffocata.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      L’amica non ha notizie da Facebook e chiede aiuto: 56enne trovata senza vita

    • Nardò

      “Incetta” di cacciaviti nel centro commerciale: colto in flagranza un 36enne

    • Otranto

      Approdano nel Salento dopo il viaggio in barca a vela: anche un disabile tra i migranti soccorsi

    • Cronaca

      Fiamme nel Casaranese: incendi distruggono tre auto, due sono dolosi

    I più letti della settimana

    • Tragico schianto nella notte, 26enne finisce fuori strada con la moto

    • Maxi rissa all'ingresso del Samsara, otto persone identificate e denunciate

    • Un volo di otto metri: muore sotto gli occhi del figlio titolare di una ditta di luminarie

    • Grave incidente sulla provinciale, tre le auto coinvolte e quattro i feriti

    • Arriva in ospedale con tagli su tutto il corpo: un 32enne aggredito a Torre dell'Orso

    • Aggredisce la madre e lancia un coltello contro la sorella, in carcere 24enne

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento