Sequestrata attrezzatura per aspirare acqua e sabbia e gonfiare sacchi di juta

Il fatto davanti ad uno stabilimento balneare. Per la guardia costiera, assumerebbe una particolare gravità, dal momento che il presunto illecito sarebbe avvenuto nella zona "C" di riserva parziale dell'Area marina protetta di Porto Cesareo

Foto inviata dalla guardia costiera.

PORTO CESAREO - Attrezzatura per aspirare acqua e sabbia per il riempimento di sacchi di juta sintetica, a circa 1 metro e 50 centimetri di fondale, è stata posta sotto sequestro dai militari della guardia costiera di Porto Cesareo, dipendente dalla capitaneria di porto di Gallipoli, insieme con personale dell’ufficio tecnico comunale. L’operazione a contrasto degli illeciti ambientali è avvenuta dopo un controllo dei militari.

L’attrezzatura era stata impiegata davanti ad uno stabilimento balneare. Secondo quanto rilevato dalla guardia costiera, il fatto assumerebbe una particolare gravità, dal momento che il presunto illecito sarebbe avvenuto nella zona “C” di riserva parziale dell’Area marina protetta di Porto Cesareo.

Il titolare dello stabilimento è stato deferito all’autorità giudiziaria, che ha disposto il sequestro preventivo penale di tutta l’attrezzatura utilizzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Allerta arancione per maltempo anche nel Salento. Scuole chiuse in diversi comuni

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

Torna su
LeccePrima è in caricamento