Blitz nel suolificio, spuntano scarpe con griffe falsificate per 30mila euro

L'ispezione dei carabinieri della compagnia di Casarano. Denunciato un 64enne. Trovate copie di calzature da circa 600 euro a paio

CASARANO – Dopo un controllo nella sede, i carabinieri ne sono usciti con 131 paia di scarpe. Non ai piedi, ovviamente, ma nelle loro scatole e tutte per essere sequestrate. Già, perché, a quanto pare, erano tutte calzature con marchio contraffatto. Fedeli repliche di scarpe alla moda, pronte a mescolarsi sul mercato con quelle reali. Nei guai è così finito D.G.E.F., 64enne di Casarano.

Il controllo è stato effettuato ieri sera dai carabinieri della Sezione operativa del Norm della compagnia casaranese nel suolificio gestito dall’uomo, come verifica ultima di una serie di precedenti attività info-investigative raccolte sul campo.  E il 64enne è stato denunciato a piede libero per introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi. I militari hanno svolto un’accurata perquisizione nello stabile, sottoponendo a sequestro merce per un valore commerciale di circa 30mila euro. E perché il valore fosse così alto, a fronte di un sequestro non particolarmente ingente, è presto detto. Si tratta di copie delle Balenciaga, calzature il cui prezzo medio si aggira attorno ai 600 euro. 

Solo pochi giorni or sono, in quel caso a Lecce, era stata la polizia a effettuare un maxi sequestro di calzature contraffatte (ben mille e 500 paia) messe in vendita presso un negozio gestito da un commerciante cinese. Tutti segnali che il parallelo e lucroso mercato del falso è sempre vivo e attivo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento