Acque reflue e maleodoranti nel pozzo abusivo: sequestro e denuncia in una ditta

Nei guai un 32enne di Porto Cesareo, titolare di un’impresa specializzata nella pulizia di reti fognarie: il Noe di Lecce ha eseguito un sequestro preventivo sull’area di 400 metri quadrati

L'immagine del pozzo sequestrato.

PORTO CESAREO – Scatta il sequestro preventivo su un’area di 400 metri quadrati e la denuncia nei confronti di un 32enne, titolare di una ditta di pulizia delle reti fognarie, la "Ecoambiente srl": è accusato di immissione nelle acque sotterranee non autorizzata. Il controllo è stato eseguito a Porto Cesareo, nel pomeriggio di venerdì scorso, dai carabinieri del Noe di Lecce, il Nucleo operativo ed ecologico.

Assieme ai colleghi della stazione locale, infatti, i militari coordinati dal maggiore Dario Campanella hanno eseguito una verifica all’interno di una ditta specializzata in servizi ambientali, in via Santa Chiara. Durante il sopralluogo, il personale dell’Arma ha scoperto il deposito di attrezzature e automezzi su un’area sulla quale era stata realizzata una cisterna interrata, la cui capacità è tuttora da verificare.PHOTO-2018-09-24-08-32-21-2

Il pozzo, profondo oltre sette metri e parzialmente pieno di acque reflue maleodoranti, era stato nascosto con una lamiera posta sull’apertura. Su tutta l’area, non pavimentata, sono stati rinvenuti sversamenti di reflui fognari dai quali scaturiva il tipico odore nauseabondo.  Sono pertanto scattati i sigilli e l’uomo, del luogo, è stato deferito in stato di libertà.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Tallonano la Punto, poi il colpo di pistola per far scendere la vittima

  • Paura sulla statale: perde il controllo e si schianta contro guardrail e albero

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

Torna su
LeccePrima è in caricamento