Sequestro preventivo per il campo comunale di Trepuzzi, la reazione di CasaPound

Sigilli al Campo sportivo Vittorio a Trepuzzi. Nel primo pomeriggio, infatti, i carabinieri dello locale stazione hanno eseguito, su ordine della Procura della Repubblica, il sequestro preventivo del campo sportivo comunale di Trepuzzi. Il provvedimento è stato emesso dal pubblico ministero Paola Guglielmi

LECCE – Sigilli al Campo sportivo Vittorio a Trepuzzi. Nel primo pomeriggio, infatti, i carabinieri dello locale stazione hanno eseguito, su ordine della Procura della Repubblica, il sequestro preventivo del campo sportivo comunale di Trepuzzi. Il provvedimento è stato emesso dal pubblico ministero Paola Guglielmi. 

Il sequestro scaturisce a seguito di indagini condotte dalla stessa stazione dei carabinieri, coordinate dalla pubblico ministero Paola Guglielmi, grazie anche la collaborazione del comando provinciale dei Vigili del fuoco di Lecce. Dalle indagini è emerso che “il Campo sportivo comunale di Trepuzzi risulta privo degli atti autorizzativi attestanti il rispetto delle norme di sicurezza degli impianti e delle norme di prevenzione degli incendi nonché privo di regolare licenza dell’autorità all’utilizzo dell’impianto sportivo per le manifestazioni con presenza di pubblico,  essendo palesemente illegittimo l’atto autorizzativo” attualmente vigente, in quanto ritenuto falso nel punto in cui, invece, attesta la corrispondenza dell’impianto alle norme di sicurezza previste dal D.M. 06 giugno 2005.

Due le persone indagate, tra cui un amministratore locale, per il reato di “apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo”. Quest’ultimo risulta indagato anche per il reato di falso in atto pubblico commesso da pubblico ufficiale. La misura cautelare reale si è resa necessaria poiché, nonostante l’amministrazione comunale di Trepuzzi fosse a conoscenza almeno dal 21 novembre 2014 delle condizioni di insicurezza in quanto formalmente avvisata con una comunicazione ufficiale, ha comunque lasciato che fossero disputati ben quattro incontri di calcio aperti al pubblico.

A porre l’attenzione sulla vicenda e a chiedere interventi tempestivi è Francesco Pezzuto, referente locale di CasaPound Italia: “La messa in sicurezza di un impianto pubblico non può certo essere sottovalutata; è uno degli aspetti al centro dell’operato di una amministrazione ma, nel caso specifico del sequestro del ‘Vittorio’, l’ordinanza appare a prima vista affrettata e fin troppo fiscale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci auguriamo – conclude Francesco Pezzuto – che l’ordinanza odierna rappresenti un invito alla messa a norma della struttura e che i sigilli vengano presto rimossi, concedendo ai trepuzzini di poter usufruire della struttura e all’amministrazione di provvedere in tempi rapidi alle dovute migliorie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Con l'auto fino in mare per depositare la moto d'acqua: sconcerto a San Cataldo

Torna su
LeccePrima è in caricamento