Pescatore nella “rete” dei militari: trovato con 400 ricci e due chili di ostriche

E' accaduto in mattinata, a Torre Lapillo di Porto Cesareo. Per prelevare gli esemplari, il trasgressore aveva anche attrezzatura subacquea

Il sequestro da parte della capitaneria

PORTO CESAREO – Un altro pescatore di frodo nella “rete” della guardia costiera. Il monitoraggio sulle attività di pesca della capitaneria di porto di Gallipoli ha consentito di localizzare  un trasgressore nei pressi di Torre Lapillo.

In tarda mattinata, infatti, è stato sorpreso al termine della battuta di pesca, con un quantitativo di ricci di mare ed ostriche ben oltre il limite consentito dalle normative vigenti in tema di pesca sportiva e ricreativa. L’uomo aveva prelevato dallo specchio d’acqua dello Ionio ben 400 rImmagine2-3-13icci e 200 ostriche.

IL VIDEO

Inoltre, grazie alle telecamere di videosorveglianza dell’Area marina protetta di Porto Cesareo, è stato appurato che il pescatore, per massimizzare la raccolta del prodotto ittico, ha utilizzato dell’attrezzatura subacquea. Il tutto è stato posto sequestro, assieme agli esemplari pregiati, poi rigettati in mare, dopo la consulenza del personale sanitario, per la verifica dello stato di vitalità.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Guardate il video e vedete dove hanno buttato i ricci, sotto le loro barche , così i loro sommozzatori li andranno a recuperare et voilà il gioco é fatto !!! Quindi domani linguine ai ricci di mare !!!

Notizie di oggi

  • settimana

    Incubo intimidazioni nel Salento: dieci colpi d’arma da fuoco contro un bar

  • Cronaca

    Incendio nella cucina al quarto piano, evacuato reparto di Chirurgia

  • Sport

    Il Trapani vince 2 a 1 a Catania e serve al Lecce l'assist più atteso per la promozione

  • Cronaca

    Presunti illeciti negli appalti da un milione di euro, in otto vanno a processo

I più letti della settimana

  • Autista di pullman pieno di studenti viene colto da malore: collisioni a catena

  • Esplosione dentro il vecchio hotel comprato all'asta. Sventrate le pareti: è inagibile

  • Spari nel centro abitato di Surbo: cinque colpi sull'auto di una donna

  • Accusato di omicidio stradale un 39enne: nell'impatto morto ex sindaco

  • Calci e coltellate, 28enne ferito gravemente. In arresto padre e figlio

  • Papa Francesco sulla tomba di don Tonino Bello: “Al primo posto la dignità del lavoratore”

Torna su
LeccePrima è in caricamento