Si finge al telefono tecnico della Sisal e riesce a spillare quasi 7mila euro

Denunciato un 25enne napoletano. Il raggiro in estate. Il titolare di una ricevitoria ha segnalato il caso ai carabinieri

MARTANO – Un piano diabolico, quello di G.C.G., 25enne di Napoli, grazie al quale è riuscito a spillare al titolare di una ricevitoria salentina la bellezza di 6mila e 900 euro. fingendosi un tecnico della Sisal che aveva telefonato per una serie di prove per testare la linea. Consistenti nella simulazione di ricariche, che, ha assicurato, avrebbe poi stornato lui. In realtà, ma si è scoperto dopo, tutte ricariche su conti di scommesse online. Operazioni reali.

Il giovane truffatore è stato però scoperto e deferito, dopo la segnalazione presentata dal malcapitato presso la stazione dei carabinieri di Martano. Il quale, controllando successivamente il conto Sisal di cui dispone ogni ricevitoria e sul quale si anticipano i soldi per le ricariche, si è reso conto che effettivamente le operazioni erano andate in porto.

Deve essere stato molto convincente, il giovane, al telefono, per riuscire a mettere a segno il raggiro. Tutto avvenuto nel cuore dell’estate, ovvero il 6 agosto scorso. Ai carabinieri, la vittima, ha spiegato quanto avvenuto e le indagini hanno condotto i militari martanesi verso la Campania. Alla fine, il 25enne è stato smascherato e denunciato.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

  • Cronaca

    Pestato e ferito da un colpo d'arma, preso il complice del violento raid

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento