Si presenta fuori orario, pretende informazioni e aggredisce poliziotte

Arrestato un senegalese. Ha dato in escandescenza presso l'ufficio immigrazione nonostante abbia pure ricevuto quanto richiesto

LECCE – Si presenta presso la Divisione immigrazione della Questura, in viale Oronzo Quarta, fuori dall’orario di apertura e pretende di conoscere quale iter stia seguendo la sua pratica. E’ finita male, per un senegalese di 26 anni, regolare in Italia, arrestato con le accuse di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale. A fermarlo, i poliziotti della Divisione immigrazione e del Reparto prevenzione crimine di Lecce. Pare abbia dato in escandescenza persino dopo aver ricevuto, comunque, le informazioni richieste.

Il giovane ha avanzato istanza per ottenere il permesso di soggiorno. E si è presentato nel primo pomeriggio del 20 febbraio scorso, in orario di chiusura al pubblico, presso lo sportello. Voleva a ogni costo ricevere informazioni sulla sua pratica. Una poliziotta, visto l’atteggiamento molto nervoso dell’uomo,  nel tentativo di riportarlo alla calma e con pazienza, gli ha comunque fornito alcune indicazioni, spiegando che l’iter per il rilascio del permesso di soggiorno era giunto nella fase conclusiva e che nel giro di pochi giorni l’avrebbe ricevuto.

Nonostante tutto, il 26enne si è scagliato anche contro un’altra poliziotta, intervenuta in soccorso della collega, invitandolo a un atteggiamento più sereno e meno ostile. Anche perché, nonostante tutto, le informazioni erano state fornite. E non era certo un atto dovuto.

Ancora più contrariato, lo straniero ha iniziato a inveire e aggredire le poliziotte, una delle quali, con non poche difficoltà, è riuscita a limitarlo, sino all’intervento dei colleghi del Reparto prevenzione crimine. Grazie anche a loro, è stato definitivamente bloccato. E oggi il gip ha convalidato l’arresto in carcere.

Fa incidente e si scopre che è irregolare 

Fa un incidente e si scopre irregolare in Italia. E’ successo la sera del 19 febbraio. Si tratta di un albanese di 26 anni, coinvolto in un sinistro a Galatina. Gli accertamenti dei poliziotti delle volanti del commissariato di Galatina hanno permesso di appurare che il giovane albanese, oltre ad avere un precedente per rissa aggravata, era irregolare. Dopo le incombenze presso la Divisione immigrazione, è stato accompagnato alla frontiera marittima di Brindisi. Da qui è stato imbarcato, diretto a Valona.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento