Le unità cinofile soccorrono un uomo e un bambino durante alcune prove

I componenti del team, accompagnato da Labrador e Golden Retriever, erano all'opera nelle acque di Santa Maria al Bagno

Le esercitazioni in mare

SANTA MARIA AL BAGNO  (Nardò) – Doppio soccorso nelle ultime ore, nelle acque di Santa Maria al Bagno. Il personale della Scuola cinofila italiana soccorso acquatico e ricerca per tutta la giornata ha prestato assistenza agli oltre 400 atleti giunti da varie regioni, partecipanti alla tappa di campionato interregionale di nuoto in acque libere.

Il primo salvataggio alle 16 di ieri, durante la prova di Aquathlon Kids, in cui erano impegnati decine di bambini. Nell’occasione uno dei piccoli partecipanti, un bambino di 10 anni, mentre si trovava ad affrontare la prova di nuoto in mare, giunto nei pressi della boa posta a circa 50 metri dalla riva è stato colto da malore. Tempestivo è stato l’intervento dell’unità cinofila composta da due conduttori, da un Labrador e da un Golden Retriever. Il piccolo è stato accompagnato a riva e poi affidato alle cure dei medici del 118. Fortunatamente, a parte lo spavento, nessuna conseguenza per il bimbo.

Il secondo episodio ha riguardato invece  un uomo di circa 35 anni, colto da forti crampi ad una gamba a circa 400 metri dalla riva. L’uomo ha chiesto aiuto sbracciandosi verso la vicina imbarcazione su cui erano presenti i giudici di gara. I componenti dell’Unità cinofile si sono lanciati in acqua per soccorrere il bagnante. Anche quest’ultimo non ha riportato conseguenze.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento