Nessun maltrattamento nella casa di riposo per anziani, assolti in venti

Il verdetto del giudizio abbreviato a carico dei responsabili e degli operatori della residenza "La Fontanella" di Soleto

LECCE – Non vi è stato nessun abuso e nessun comportamento illecito all’interno della residenza socio-sanitaria assistenziale per anziani “La Fontanella” di Soleto. Il giudice Simona Panzera ha assolto con formula piena, perché il fatto non sussiste, i venti imputati al termine del giudizio con rito abbreviato. Si tratta di don Vittorio Matteo, 80enne di Soleto e amministratore unico della struttura; Federica Cantore, 35enne di Galatina, responsabile amministrativa; Patrizia Pittui, 48enne leccese, coordinatrice del gruppo degli operatori socio sanitari; Michele Iaconisi, 46 anni di Copertino; Rocco Benegiamo, 27 anni di Cutrofiano; Donata Liliana Ciriolo, 24 anni di Maglie; Sara Colella, 30 anni di Corsano; Gianluca Corvaglia, 26enne di Diso; Luciano De Siena, 28 anni di Andrano; Antonella Longo, 33 anni di Aradeo; Maria Gabriella Liaci, 54 anni di San Cesario; Giovanna Magistri, 46enne; Giuseppe Micheli, 31enne di Galatina; Alfonsina Murano, 34enne di Gallipoli; Nadia Navone, 51 anni di Galatina; Fedora Sales, 42 anni di Poggiardo; Eloisa Stefani, 39 anni di Aradeo; Anna Maria Tondo, 36 anni di Leverano; Alex Bene, 24 anni di Santa Cesarea Terme; l'infermiera Daniela De Pascalis, 26 anni di Martano.

L’accusa ipotizzata era di maltrattamenti con l’aggravante di aver commesso il fatto nei confronti di persone affidate per ragioni di cura, vigilanza o custodia. I fatti si riferivano all’estate del 2014. La Procura aveva ipotizzato un utilizzo, da parte dei vertici della struttura, di un numero insufficiente di operatori sociosanitari rispetto agli ospiti, oltre a comportamenti vessatori avvenuti nelle ore notturne. Accuse, come detto, cadute del tutto.

Nei mesi scorsi il gup ha disposto una consulenza, affidata al medico legale Roberto Vaglio e allo psichiatra Domenico Suma, per fare luce su eventuali danni subiti da nove pazienti della struttura. Proprio sulla base della consulenza, e su quanto evidenziato dai legali degli imputati, attraverso una lunga serie di riscontri e di prove documentali e testimonianze, il giudice ha stabilito che non vi è stato alcun illecito.

Nel collegio difensivo gli avvocati Donato Mellone, Amilcare Tana, Luigi Covella, Viola Messa, Francesca Conte, Fabrizio D'Errico, Luigi Fersini, Michelangelo Gorgoni, Cosimo Perrone; Sebastano Vetromile, Alfonso Parente Stefanizzi, Ivan Paladini, Salvatore Chiriatti, Antonio Castello, Tiziana Marino, Giampiero Leomanni, Rosa Masciullo, Massimo Cavuoto, Roberto Tarantino, Gabriele Borlizzi, Fernanda Minerba, Giuseppa Antonica e Leonilda Marzano.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Tanto rumor per nulla. Ormai succede spesso e la cosa è inquietante. Quanti soldi dello Stato e dei privati cittadini dissipati per questa mala giustizia e quanta onorabile gente messa inutilmente alla gogna.

  • ma come vengono fatte le indagini in Italia, prima mettono alla pubblica gogna le persone per poi scoprire che erano innocenti, roba da voltastomaco!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ferisce un 29enne a colpi di pistola per gelosia, rintracciato l'autore

  • Cronaca

    Lavori nel porto non a regola d'arte: lo scoglio resta danneggiato

  • Politica

    Analisi del voto: la lealtà degli elettorati premia l'intesa tra Salvemini e Delli Noci

  • Gallipoli

    Baraccopoli su lungomare Marconi, completato lo sgombero dell’area

I più letti della settimana

  • Dopo la tragedia, altri due incidenti in poche ore: muoiono un 40enne e una 35enne

  • Scontro frontale sulla strada per il mare: muore una donna, gravi marito e figlio

  • Serata di follia: entra nel negozio e appicca un incendio con benzina

  • In attesa in ospedale, si china e spunta pistola. In casa anche una carabina

  • Finti incidenti, ecco la tecnica: due testimonianze per prevenire la truffa

  • Giornalista già minacciata ritratta in una fossa. Il sindaco rieletto: “Non commento”

Torna su
LeccePrima è in caricamento