Maxi rogo a Le Cesine, atteso Stea. Regione pronta a costituirsi parte civile

Nella mattinata di sabato prossimo, il neo assessore all’Ambiente effettuerà un sopralluogo sull’area colpita. Poi l’incontro con amministratori e operatori

Un'immagine del rogo di domenica scorsa.

LECCE - Il neo assessore regionale all’Ambiente, Gianni Stea, effettuerà un sopralluogo sull’area colpita dal maxi incendio di domenica scorsa,  in località Le Cesine, nel territorio di Vernole. Alle 10 del mattino, infatti, si recherà nella zona confinante con quella gestita dal Wwf. Dopo l’ispezione, alle 11 e mezzo farà il punto della situazione nel corso di un confronto aperto che si svolgerà nell’aula consiliare del Comune di Vernole.

Al tavolo, oltre all'assessore fresco di nomina, prenderanno anche parte gli amministratori locali, i responsabili del Wwf e di Legambiente e delle altre associazioni di volontari e della protezione civile, carabinieri e forestali. “Questo incendio – ha spiegato Stea -  corrisponde ad un danno ambientale gravissimo per il territorio in un’area unica per la tipicità eco-naturalistica. Nell’attesa che la natura possa fare il suo corso per riparare quanto, probabilmente, la mano criminale di qualcun ha distrutto, voglio confrontarmi con esperti e amministratori locali per cercare insieme le strategie degli interventi più urgenti a tutela dell’eco sistema e per una maggiore sicurezza e vigilanza. Di certo se c’è un colpevole occorre trovarlo e punirlo senza scrupolo alcuno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stea infine ha confermato la volontà della Regione Puglia di costituirsi parte civile nel caso sia accertata la natura dolosa del rogo e ha ringraziato ancora tutti gli operatori intervenuti per domare le fiamme. Lo scotto da pagare per quei tre focolai appiccati da qualcuno è ora troppo alto per l’ecosistema: gli ettari andati in fumo si aggirano attorno ai 60, forse anche più. Nel corso dei giorni, infatti, l’area incenerita si è estesa. La Procura della repubblica di Lecce, intanto, ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti per poter avviare accurati accertamenti sull'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Auto reimmatricolate in Italia con documenti falsi: un salentino nei guai

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

Torna su
LeccePrima è in caricamento