Sorpreso dopo due effrazioni: nel suo bottino anche un drone e videogiochi

Un 35enne di Racale è stato fermato dai carabinieri e dal personale di un istituto di vigilanza: nottetempo si era introdotto in abitazioni di Torre Suda

Foto di repertorio.

RACALE – C’era anche un drone nel suo bottino, oltre a videogiochi e un’affettatrice, racimolato dopo le incursioni in due abitazioni estive a Torre Suda, in contrada Mameli. Ma non è stata certo la prima volta per Davide Rizzo, 35enne di Racale: nella perquisizione seguita al suo fermo, infatti, è stato ritrovato un impianto audio che era stato rubato nel corso di un furto avvenuto il 4 febbraio, sempre nella marina.

È stato il personale di vigilanza notturna, intono all’una, dopo aver notato i segni di effrazione sulle finestre di due case - appartenenti una ad un 42enne e l’altra ad un 77enne - a sollecitare l’intervento dei carabinieri della compagnia di Casarano, intervenuta poi sul posto con la propria sezione radiomobile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo è stato fermato dai militari e dal personale privato e ristretto agli arresti domiciliari a disposizione dell'autorità giudiziaria: deve rispondere di furto in abitazione e ricettazione. La refurtiva, invece, è stata restituita ai legittimi proprietari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento