Sorpreso dopo due effrazioni: nel suo bottino anche un drone e videogiochi

Un 35enne di Racale è stato fermato dai carabinieri e dal personale di un istituto di vigilanza: nottetempo si era introdotto in abitazioni di Torre Suda

Foto di repertorio.

RACALE – C’era anche un drone nel suo bottino, oltre a videogiochi e un’affettatrice, racimolato dopo le incursioni in due abitazioni estive a Torre Suda, in contrada Mameli. Ma non è stata certo la prima volta per Davide Rizzo, 35enne di Racale: nella perquisizione seguita al suo fermo, infatti, è stato ritrovato un impianto audio che era stato rubato nel corso di un furto avvenuto il 4 febbraio, sempre nella marina.

È stato il personale di vigilanza notturna, intono all’una, dopo aver notato i segni di effrazione sulle finestre di due case - appartenenti una ad un 42enne e l’altra ad un 77enne - a sollecitare l’intervento dei carabinieri della compagnia di Casarano, intervenuta poi sul posto con la propria sezione radiomobile.

L’uomo è stato fermato dai militari e dal personale privato e ristretto agli arresti domiciliari a disposizione dell'autorità giudiziaria: deve rispondere di furto in abitazione e ricettazione. La refurtiva, invece, è stata restituita ai legittimi proprietari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Paura sulla statale: perde il controllo e si schianta contro guardrail e albero

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

Torna su
LeccePrima è in caricamento