Sorpreso a spacciare nonostante i domiciliari, condannato in abbreviato

Due anni e otto mesi per Giovanbattista Nobile, nome noto alle cronache, già condannato a oltre 14 anni nel processo d'appello di Perseo

LECCE – Nonostante gli arresti domiciliari aveva continuato l’attività di spaccio nella sua abitazione leccese. Per questo, lo scorso 25 maggio, Giovanbattista Nobile, 33 anni, era finito in carcere (dove si trova tutt’ora) con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare, i carabinieri avevano trovato circa 10 grammi di cocaina e un grammo di marijuana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi il 33enne, assistito dagli avvocati Rita Ciccarese e Pantaleo Cannoletta, è stato giudicato e condannato in abbreviato a 2 anni e otto mesi, e 2mila e 400 euro di multa. Per lui l’accusa aveva chiesto una condanna a 4 anni. La sentenza è stata emessa dal gup Michele Toriello. Quello di Nobile è un nome noto alle cronache, nel settembre del 2017 è stato condannato a 14 anni e otto mesi nel processo relativo all’operazione Perseo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Casi accertati: incremento di 120 in Puglia, 29 per la provincia di Lecce

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento