Sorpreso con la marijuana e alcune piante, assolto: era per uso terapeutico

Assoluzione con formula piena per un 44enne. Il suo legale, infatti, ha dimsotrato che la droga non era destinata allo spaccio

LECCE – Era finito nei guai dopo che i carabinieri avevano trovato nella sua abitazione a San Cesario, nell’ottobre scorso, 163 grammi di marijuana, contenuta in diversi involucri, e per avere coltivato quattro piante. F.Z., 44enne, ha poi scelto il rito abbreviato per dimostrare la sua innocenza.

Il suo legale, l’avvocato Barbara Fontò, ha evidenziato e dimostrato che la droga non era destinata a fini di spaccio ma per uso personale. L’accusa ha chiesto una condanna a 4 anni e mezzo di reclusione e 10mila euro di multa. Il giudice Michele Toriello lo ha assolto con la formula perché il fatto non sussiste in relazione allo stupefacente detenuto, poiché non vi è prova che fosse destinata allo spaccio., e perché non punibile vista la particolare tenuità del fatto per la marijuana coltivata. Il 44enne, infatti, coltivava la droga non per spacciarla ma per assumerla, come prescritto da alcuni medici nell’ambito della terapia del dolore.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Violento nubifragio sferza il Salento. Strade allagate, centri in tilt

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Boato in piazza, esplode una bombola da sub: auto sventrata

Torna su
LeccePrima è in caricamento