Sorpreso mentre tenta un furto, patteggia e ottiene gli arresti domiciliari

Un anno per un 29enne di Taviano al termine del giudizio per direttissima celebrato dinanzi al giudice del Tribunale di Lecce

LECCE – Ha patteggiato una condanna a un anno, al termine del giudizio per direttissima, William Cavalera, il 29enne di Taviano arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Casarano per furto tentato e consumato. Cavalera, assistito dall’avvocato Stefano Stefanelli, si è avvalso della facoltà di non rispondere nel corso dell’udienza di convalida del fermo. Il giudice ha escluso nei suoi confronti la recidiva e disposto la scarcerazione dalla casa circondariale di Borgo San Nicola, concedendo gli arresti domiciliari.

Il 29enne è stato fermato mentre cercava di introdursi in un negozio di abbigliamento. Sono stati alcuni cittadini, residenti in un'abitazione nelle vicinanze, a udire il frastuono a chiamare le forze dell’ordine. Il giovane ladro ha tentato una fuga disperata ma è stato inseguito e bloccato dai carabinieri a bordo delle moto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento