Università del Salento, è caos: sospeso il direttore generale

Provvedimento urgente del rettore dopo la pubblicazione di parte di una conversazione tra Emilio Miccolis e il sindacalista Manfredi De Pascalis. Alfredo Mantovano: "Necessità di chiarezza e trasparenza ai vertici dell'ateneo"

Il rettore, Domenico Laforgia e il direttore generale, Emilio Miccolis.

LECCE – Emilio Miccolis, direttore generale dell’Università del Salento è stato sospeso in via cautelativa dal rettore, Domenica Loforgia. La decisione arriva a poche ore dalla pubblicazione su La Gazzetta del Mezzogiorno di parte della registrazione del colloquio intercorso il 12 luglio tra lo stesso Miccolis e l’allora responsabile dell’ufficio reclutamento (e sindacalista) Manfredi De Pascalis. Da quell’ora e mezzo di faccia a faccia emergerebbero lusinghe e tentativi - da parte del direttore - di accomodare la conflittualità dell’esponente Cgil. Solo due giorni addietro i sindacati  lamentavano una sorta di persecuzione ai danni di alcun dirigenti sindacali.

“Non sapevo di questo incontro con il signor De Pascalis – scrive Laforgia -, che apprendo solo oggi dal giornale. Non posso che dissociarmi da ciò che ho letto in quanto non rientra nella mia visione dei rapporti istituzionali e personali. Il direttore è stato scelto per le sue ottime capacità di tecnico, ha completamente ristrutturato l’amministrazione dell’ateneo e ha dato prova di essere capace di dragare finanziamenti e risolvere problemi con il ministero. Tuttavia, non posso accettare che esista un’etica pubblica e un’etica privata. L’etica è soltanto una. La presenza del direttore generale, se la conversazione pubblicata fosse vera, risulterebbe incompatibile con la linea di rigore che abbiamo mantenuto finora. D’altra parte, è eticamente inqualificabile che un dirigente sindacale circoli in ateneo con il registratore in tasca.”

La decisione del massimo rappresentante dell’ateneo arriva al termine di settimane convulse: prima la notizia dell’iscrizione nel registro degli indagati, proprio di Laforgia, per tentato abuso d’ufficio relativamente alle nomine sulle commissioni interne (il fascicolo è stato aperto su denuncia dell’ex delegato all’Internazionalizzazione, Luigi Melica), poi la notizia dell’interpellanza urgente presentata da Alfredo Mantovano del Pdl, e da altri 54 deputati, per sollecitare i ministri Profumo – Università – e Patroni Griffi – Funzione pubblica ad inviare gli ispettori per fare chiarezza sul tormentato concorso per tre amministrativi, nel quale è centrale il ruolo avuto da Miccolis che ha annullato gli atti dello stesso, in autotutela, dopo aver aperto i plichi e segnalato il presunto scorretto operato dei tre vincitori. Un comportamento, quello del direttore generale, sanzionato successivamente dal Tar e poi anche dal procuratore capo della Repubblica, Cataldo Motta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo aver letto la conversazione tra Miccolis e De Pascalis, l'onorevole Alfredo Mantovano rilancia la necessità. al netto del lavoro della magistratura, di verificare la correttezza dei comportamenti: "Vorrei solo ricordare al rettore Laforgia, che ha qualificato l'iniziativa parlamentare mia di altri 54 deputati una montatura, tesa a far sì che l'Università del Salento venga meno al rigore e al riconoscimento del merito, sia nei concorsi che negli appalti che effettivamente mi interessano gli appalti, sia quelli attinenti a questo territorio, sia quelli che hanno un respiro nazionale. Nei governi di cui ho fatto parte credo di aver avuto un minuscolo ruolo nella redazione e nel varo delle norme di prevenzione da infiltrazioni e anomalie nelle gare relative a opere pubbliche, recentemente introdotte nel nostro ordinamento. Qualche anno fa, sempre da sottosegretario dell'Interno, organizzai, con l'apporto essenziale delle prefetture di Lecce e di Brindisi, una ricognizione sulle distorsioni degli appalti nelle due province, che fece emergere cartelli e manipolazioni, e sulla quale la magistratura leccese si basò per un importante processo, e per sentenze di condanna. Chi vivrà vedrà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento