Spaccio di cocaina. E nel vano segreto una pistola e svariate munizioni

Donato De Vitis, 57enne di Lecce, è stato fermato dopo una serie di appostamenti. Ma l'aspetto inatteso era il nascondiglio. Aveva un'arma con colpo in canna e centinaia di proiettili. Ieri sera il blitz nel rione San Pio

LECCE – Volevano inchiodarlo per spaccio, ma hanno trovato molto di più. Non si aspettavano una pistola e tante munizioni. Tutto nascosto sotto il pavimento in legno. Grazie all’ingegnoso sistema di un listello scorrevole. Peccato per lui che, quando i carabinieri hanno fatto irruzione, il nascondiglio fosse semiaperto. E così, su Donato De Vitis, 57enne di Lecce, ora è acceso un doppio riflettore.

Da qualche tempo i carabinieri dell’aliquota radiomobile e dell’aliquota operativa della compagnia del capoluogo seguivano i movimenti attorno a un’abitazione del rione San Pio. Così, hanno effettuato i classici appostamenti. Posizionati con discrezione nei paraggi, ieri sera hanno bloccato due soggetti che avevano poco prima visto entrare in casa di De Vitis. Un 42enne e, poco dopo, un 34enne. Il primo aveva 0,3 grammi di cocaina e 0,4 di hashish. Il secondo, 0,3, sempre di cocaina. Entrambi sono stati poi segnalati al prefetto, come assuntori di stupefacenti.

Fermarli ha permesso facilmente d’ipotizzare un’intensa attività di spaccio. Tutto riscontrato al momento del blitz. Durante la perquisizione, minuziosa, dell’appartamento, i carabinieri hanno trovato ben 390 grammi di cocaina, più 270 euro. I soldi sono ritenuti provento dell’attività illecita e per questo sono finiti sotto sequestro, con la droga.

Quello, però, che i militari stessi proprio non si aspettavano, era il nascondiglio sotto il pavimento di legno di un soppalco. Dentro c’era una pistola P38 calibro 7.65 con colpo in canna e quattro cartucce nel serbatoio. E’ un’arma con matricola, ma molto probabilmente d’importazione illegale. Non risulta nei database. E non è tutto. Nello stesso vano c’erano: 50 proiettili calibro 38; 202 380 auto; dieci calibro 7.65; 33 proiettili calibro 7.65; quattro cartucce calibro 38 con ogiva incamiciata.

De Vitis ora risponde di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e di detenzione illegale di arma clandestina e munizioni. Si trova nella casa circondariale di Lecce.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sesso con il pm per avere vantaggi, l'avvocatessa sotto torchio per un'ora

  • Cronaca

    "Favori & Giustizia", il direttore generale dell'Asl Narracci respinge le accuse

  • Cronaca

    Il "sistema Arnesano" andava fermato, la denuncia dei suoi stessi colleghi

  • Attualità

    Più navette e 1350 parcheggi gratis nel week end, in centro si paga in sei festivi

I più letti della settimana

  • Sesso e regali per favori e processi: in arresto un pm, dirigenti sanitari e avvocata

  • Travolto da un’autovettura, un 62enne perde la vita davanti alla moglie

  • Ore di apprensione a Casarano: rintracciato di notte 22enne scomparso nel nulla

  • Forte boato squarcia il Nord Salento. L'Aeronautica: "Un bang sonico"

  • Bancarotta fraudolenta aggravata: quattro imprenditori in arresto

  • Inchiesta sesso&giustizia, Altavilla: “Triste pagina, ma indagine non è condanna”

Torna su
LeccePrima è in caricamento