Spaccio in via Leuca, blitz delle volanti: preso con cocaina ed eroina

Il fenomeno in zona di recente ha subito un picco. La polizia ha bloccato un 40enne leccese, osservando alcuni tossicodipendenti. La droga era nell'automobile

Una volante in via Leuca (repertorio).

LECCE – Quando ha visto una volante di polizia ha pensato bene di allontanarsi. Ha fiutato, forse, che potesse essere lì per lui. Prima è entrato in una tabaccheria, fingendosi un normale cliente. Poi, dopo qualche istante, s’è dato uno sguardo intorno. E’ uscito e ha percorso con una certa fretta un tratto di via Leuca, verso sud. Ha svoltato a piedi in via Sagrado, nei pressi di una delle poche, storiche fontanelle rimaste ancora dentro Lecce. E lì Giulio Pepe, 40enne, è stato bloccato.

"Io? Sto solo facendo una passeggiata"

“Sto facendo una passeggiata”, ha detto agli agenti che in tutto quel tempo non l’hanno mai perso di vista. Ha cercato di mantenere la calma. Vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, sebbene con precedenti molto datati nel tempo, quando è stato perquisito ha creduto che fosse finita lì. Addosso non aveva nulla. Ma i poliziotti, che in via Leuca non ci sono arrivati per caso, ma dopo una serie interminabile di passaggi, nel tempo, visto che in zona si è formato un assembramento fisso, pomeridiano, di tossicodipendenti, volevano andare a fondo. In lui avevano individuato almeno uno dei pusher abituali. E non hanno mollato la presa così facilmente.

Così, gli hanno chiesto dove avesse l’auto. A quel punto, Pepe ha iniziato a vacillare. “Sono venuto a piedi da casa”, ha spiegato. Plausibile, almeno in teoria, perché non abita molto lontano. Ma i poliziotti, che sapevano anche quale autovettura usa e dove l’avesse parcheggiata (all’inizio di via Nacci, proprio di fronte a via Sagrado), gli hanno “ricordato” come avesse raggiunto poco prima via Leuca. Ed è stata proprio l’auto la chiave di tutto.

Nell'automobile cocaina ed eroina

Nella tasca dello sportello laterale sinistro i poliziotti hanno trovato in primis un involucro di cellophane trasparente con dentro 11 grammi di cocaina. E, ancora, una bustina di cellophane trasparente, contenente circa 1 grammo di eroina, due pezzi “sfusi” di colore marrone, privi di involucro (sempre eroina) per 1 altro grammo circa. Sotto il sedile posteriore, invece, c’era un involucro di cellophane, contenente altra cocaina, per 1 grammo circa.

La perquisizione, come da prassi, è stata estesa anche nell’abitazione. In un cassetto della cucina, i poliziotti hanno trovato nastro isolante di colore nero, uguale a quello utilizzato per sigillare la sostanza stupefacente, e un bilancino di precisione. Sentito il pubblico ministero di turno, Donatina Buffelli, Pepe è stato posto ai domiciliari.

Legalità diffusa: a oltranza

IMG-20180406-WA0002-3Come detto, le volanti di polizia in via Leuca non ci sono arrivate per caso. Nell’ambito dell’operazione “Legalità diffusa: ad oltranza” inaugurata al suo arrivo a Lecce dal questore Leopoldo Laricchia, i poliziotti stanno sorvegliando con maggiore intensità i quartieri più colpiti da fenomeni illegali.

Ieri, pomeriggio, all’ennesimo passaggio in via Leuca, notato presso un angolo un gruppetto di giovani noti per la loro tossicodipendenza, fermi in evidente attesa dell’arrivo di qualcuno, hanno anche potuto osservare l’arrivo di Pepe in zona intorno alle 17, annotando dove avesse parcheggiato. Poi una volta piedi, è stato avvicinato dai tossicodipendenti, in attesa per acquistare le dosi e insieme si sono allontanati per effettuare lo scambio  fra stupefacente e denaro.

Mai pensando, forse, di essere già osservati, si sono ritrovati tra le autovetture in sosta. E dopo un momento di appostamento, si è deciso di intervenire. Pepe ha capito tutto all’ultimo momento. E' entrato in tabaccheria, per poi tentare di svignarsela a piedi e, forse, recuperare l’auto in un secondo momento. Ma ormai, per lui, era tardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta arancione per maltempo anche nel Salento. Scuole chiuse in diversi comuni

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Rapinatori irrompono in casa, un figlio reagisce: martellata sulla testa

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Concluso il trapianto sulla piccola Giorgia: è durato oltre dieci ore

  • Furto di energia, truffa e fuoco agli scarti di potatura: arresto e 14 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento