Sparatoria a Copertino, i quattro indagati ottengono i domiciliari

Erano in carcere dallo scorso ottobre. Fissata al 15 maggio la decisione sulla richiesta di patteggiamento a tre anni e mezzo per tentate lesioni e detenzione di arma da fuoco

COPERTINO - Hanno ottenuto i domiciliari i quattro uomini finiti in carcere per la sparatoria avvenuta il 2 ottobre scorso in un casolare alla periferia di Copertino. Stiamo parlando di  Bruno Guida, 42 anni, di Leverano, Matteo Niccoli, 22, di CarmianoToni Saponaro, 40, di Carmiano Peppino Vadacca, 43, di Carmiano.

Lo ha deciso il giudice Simona Panzera, alla luce del fatto che si sono attenuate le esigenze cautelari, accogliendo così la richiesta avanzata dai difensori (Valeria Corrado, Pantaleo Cannoletta e Vincenza Raganato). E c’è un’altra richiesta, al vaglio dello stesso giudice, quella di patteggiamento a tre anni e mezzo avanzata per ciascun imputato. Ma per conoscere l’esito bisognerà attendere il 15 maggio, data in cui è fissata la decisione.

Dietro le sbarre, i quattro erano finiti con l’accusa di tentato omicidio, poi caduta qualche giorno dopo con l’ordinanza con cui il Tribunale del Riesame aveva riqualificato il reato in tentate lesioni personali aggravate, confermando la detenzione illegale e il porto di arma da fuoco (una pistola Bernardelli calibro 7.65 con matricola punzonata).

Stando alle indagini condotte dai carabinieri (attraverso i filmati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza e testimonianze), l’episodio si sarebbe verificato perché, qualche giorno prima, il figlio 19enne del proprietario del casolare (Paolo Panzanaro, 46enne con precedenti penali) si sarebbe appropriato di un quantitativo di marijuana coltivata in una zona di campagna, tra Leverano e Carmiano. Una parte dello stupefacente sarebbe stata restituita, ma il gruppo nella pretesa di riavere anche il resto, raggiunse il giovane per avere un confronto. La discussione, però, degenerò e partirono due colpi dalla pistola impugnata da Niccoli.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Complimenti ancora alla avvocato difensore che ha ottenuto la libertà x questi galantuomini......e complimenti ancora a chi concede queste pene .....giustizia è fatta.poveri noi cittadini onesti e povera italia

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni comunali: alle 19 ha votato il 57,7 per cento degli elettori leccesi

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Politica

    Sulla scheda il candidato che “non esiste”: un "De" di troppo ma elezioni proseguono

  • Sport

    La prevenzione contro il cancro si fa "di corsa": torna la “Gallipoli ColouRun”

I più letti della settimana

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

  • Un Rolex inesistente e il finto rimborso. Ed è doppia truffa da 24mila euro

Torna su
LeccePrima è in caricamento