Sparò per strada e in pieno giorno al fidanzato della figlia: chiesti 9 anni

Via al processo con rito abbreviato sull’episodio avvenuto il 26 aprile scorso a Copertino. Per la Procura fu tentato omicidio, ma il giudice Tosi vuole vederci chiaro e dispone una perizia sull’arma

COPERTINO - Voleva solo spaventarlo. Per questo sparò al fidanzato della figlia, un dj di 28 anni, ferendolo con due colpi d’arma da fuoco alla scapola e a una coscia. Questo raccontò al giudice Marco Cordella, 43 anni di Copertino, dopo il suo arresto. La Procura però non ha cambiato idea e nel processo col rito abbreviato che si è aperto oggi nei suoi riguardi ha chiesto 9 anni di reclusione per tentato omicidio.

Ma dopo la richiesta formulata dal pubblico ministero Maria Vallefuoco, l’udienza si è fermata. Ai fini dell’accertamento della verità, il giudice Sergio Tosi ha disposto una perizia sull’arma (l’incarico al consulente darà conferito domani), finalizzata a verificarne l’idoneità a produrre un’offesa tale da poter considerare il reato in questione, tentato omicidio piuttosto che lesioni aggravate. Ed è proprio questo uno dei punti centrali sollevati dalla difesa dell’imputato (rappresentata dagli avvocati Laura Alemanno e Luigi Rella) che mira al riconoscimento del reato più “lieve”.

I risultati della consulenza potrebbero condizionare in modo consistente il verdetto sulla vicenda avvenuta la mattina del 26 aprile scorso. Il malcapitato aveva appena accompagnato la fidanzata al lavoro, quando fu raggiunto da due proiettili. Di Cordella si persero le tracce per cinque giorni, poi si consegnò ai carabinieri della tenenza di Copertino, accompagnato dal suo legale.

Durante le indagini, i militari sequestrarono l’auto utilizzata dal 43enne per la fuga, una Fiat Panda, dove all’interno c’erano l’arma, una pistola clandestina a tamburo, e tre proiettili calibro 22. 

La vittima è parte civile con l’avvocato Paolo Spalluto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Certo, pensare alla richiesta di condanna a 9 anni per tentato omicidio e confrortarla a quella del Ciontoli, mi fa credere che viviamo in un paese di pagliacci!!!

  • L'Italia è un paese ridicolo purtroppo.

  • Non si era spaventato bene... Quindi ha riprovato

  • Ma questi giudici!! La girano sempre come vogliono loro!! Ma vi rendete conto siamo nelle loro mani, speriamo che passi il decreto sull’esame psichiatrico che dovranno sostenere cosi almeno possiamo stare un po’ più sereni!!

  • Ed uno, per spaventare un'altra persona, gli spara ben due volte, ad altezza d'uomo, e tutte e due le volte fa centro? A me sembrano chiare le intenzioni del tizio.

Notizie di oggi

  • Politica

    Congedo: "Filobus ed estimi, due errori del centrodestra. Salvemini? Senza coraggio"

  • Politica

    Fiorella: "Liberare il centro storico per pedoni e bici. Sgm va riprogettata"

  • Cronaca

    Rogo divampa nella notte: distrutti due mezzi di una ditta edile

  • Politica

    Biglietto unico e corse anche da Galatina: le novità di "SalentoinBus"

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento