Scarti abbandonati dopo lo smantellamento del lido: scattata sanzione in attesa della rimozione

L’amministrazione di Melendugno sta procedendo per via bonaria nei confronti del titolare di uno stabilimento. Se non si provvederà a bonificare l’area, un decreto ingiuntivo

I rifiuti abbandonati sulla spiaggia.

IMG_20190403_121655-2SAN FOCA (Melendugno) – A distanza di un paio di mesi sono ancora lasciati lì, a ridosso della spiaggia, gli scarti della demolizione di uno stabilimento balneare di San Foca, la marina di Melendugno. Parte dei rifiuti, dopo i lavori effettuati, sono stati portati via. Ma quella restante invece giace ancora lì, come un pugno nell’occhio, su una delle spiagge più note del Salento.

Diversi i cittadini che, passando dalla litoranea, hanno scorto quei rifiuti accatastati. L’amministrazione comunale, già nelle settimane scorse, hanno sollecitato il titolare dell’attività, affinché provveda alla pulizia e al ripristino dei luoghi. Si procede per via bonaria, attendendo che l’intera area venga al più presto bonificata.

Intanto, però, è già scattata la sanzione amministrativa per un importo pari ad alcune centinaia di euro. Se il titolare non dovesse procedere come indicazione da parte del municipio melendugnese, scatterà tuttavia il decreto ingiuntivo, come previsto dal dispositivo normativo 152 del 2006  in materia di tutela ambientale.

Potrebbe interessarti

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

  • I rimedi fai da te contro la micosi alle unghie

  • Fa davvero male dimenticarsi di cambiare le lenzuola?

  • Rimedi contro gli scarafaggi

I più letti della settimana

  • Scontro fra più veicoli sulla statale 274, muore donna travolta da un autocarro

  • Il malore improvviso, la caduta sull'asfalto. E poi arrivano gli angeli del 118

  • Muore la ragazza sbalzata dallo scooter: indagati due 14enni

  • Batte con violenza fra collo e schiena sul fondale basso, 22enne in codice rosso

  • "Quell'uomo era morto. Una forza interiore mi ha spinto ad andare avanti"

  • Affiancato e minacciato con pistole, costretto a cedere la sua moto

Torna su
LeccePrima è in caricamento