Temperature elevate e la sala operativa del 115 si “surriscalda”: sterpaglie in fumo

Diversi interventi sono stati eseguiti nel corso della giornata dai pompieri del comando provinciale. Nessuna grave conseguenza, ma preoccupazione in vista dell’estate

Foto di repertorio

LECCE - Temperature da piena estate e i telefoni della sala operativa del 115 si fa "rovente". Diversi interventi, fortunatamente nessuno dei quali gravi, sono stati eseguiti nel corso della giornata dai vigili del fuoco.  

Le sterpaglie sul ciglio della strada e nei campi incolti e lasciati all’incuria hanno prodotto i primi, temuti effetti: gli incendi boschivi sui quali il sindacato dei “caschi rossi” aveva già puntato il dito giorni addietro. I pompieri del comando provinciale, assieme ai colleghi dei distaccamenti locali del Salento, hanno infatti raggiunto alcune località, soprattutto sul litorale Adriatico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qui, a causa delle raffiche di vento di tramontana, il fuoco è divampato con molta facilità. Non sono stati registrati danni notevoli, né a cose, né a persone, ma l’attenzione resta alta con la stagione estiva sempre più imminente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Tenta rapina nel market, ma il cassiere reagisce. Arrestato dopo la fuga

Torna su
LeccePrima è in caricamento