Stroncato da infarto muore il direttore de L'impaziente

E' stato colto improvvisamente da un malore a soli 37 anni mentre parlava ad un incontro sul tema del lavoro che ieri sera si stava tenendo nell'oratorio di Supersano. Con lui c'era la moglie

La copertina dell'ultimo numero de L'Impaziente a cui aveva lavorato Frascaro
SUPERSANO - E' stato colto improvvisamente da un malore mentre parlava ad un incontro organizzato nell'oratorio di San Michele Arcangelo, a Supersano, sui temi del lavoro e della crisi ecomica. Michele Frascaro, direttore della rivista L'Impaziente, è stato stroncato da un infarto ieri sera a soli 37 anni. Sì è accasciato davanti alla moglie incinta di 8 mesi, ai gentori, agli operai dell'Adelchi e ai tutti presenti.

Frascaro si occupava di cronaca sindacale, ed era militante di Rifondazione comunista. Seguiva da anni la crisi del Tac ed in particolare il caso Adelchi, sul quale, proprio dalle pagine de L'impaziente, attraverso inchieste corpose e puntali, aveva messo in evidenza il dramma del lavoro al Sud. I funerali si terranno domani alle 15 a Supersano, in piazza Margottini.

La redazione di LeccePrima si stringe al dolore della famiglia e dei colleghi de L'impaziente.

Il circolo Prc "Roberto Orsi" di Lecce vuole ricordare Michele Frascaro, la sua passione impetuosa e la sua dedizione verso le cause che seguiva. "Probabilmente vertenze come Adelchi - si legge in una nota - non sarebbero in piedi senza la memoria costruita da l'Impaziente, da Michele e dalla sua 'fissa' per l'inchiesta sempre corposa e ben documentata. Siamo sicuri che attraverso le pagine dell'Impaziente, ed i racconti delle persone che hanno lottato al fianco di Michele, la creatura che la compagna di Michele porta in grembo potrà conoscere suo padre ed esserne fiera, ascoltando il ruggito della sua voce uscire dalle pagine delle sue inchieste. Ciao Michele".

"La sua passione civile, il suo impegno sul lavoro, la sua attenzione alla cronaca sindacale e all'ambiente. Era tutto questo Michele Frascaro". Il commento è di Loredana Capone, vicepresidente della Regione Puglia. "Instancabile figura del giornalismo salentino, mai retorico e banale, Michele ha trasformato la lotta in difesa dei diritti degli operai nella sua lotta, raccontando i fatti per com´erano con quel taglio del miglior giornalista d´inchiesta che ne svela limiti, contraddizioni, ingiustizie. La sua morte ci colpisce profondamente, come colpisce la scomparsa di un amico con il quale si condividevano idee e passioni. Il mio affettuoso pensiero va alla sua famiglia e - conclude -, in particolare, alla compagna Angela in questo momento così difficile di cui ancora non mi capacito".

"È profondo il dolore e lo sconcerto per la scomparsa di Michele Frascaro. Ma non è un vuoto quello che lascia, tutt'altro. Michele resterà per sempre in ognuno di noi. Noi che abbiamo avuto la fortuna di incrociare il suo cammino in questo mondo". A parlare, questa volta, è il segretario provinciale del Pd, Salvatore Capone. "Resterà per sempre dentro di noi il suo impegno, la sua passione, il suo amore per la notizia. Notizia sudata, notizia sofferta, notizia sviscerata, notizia combattuta. Perché la sua informazione non era semplice lavoro, era lotta".

"Lotta per la sicurezza sul lavoro, lotta per l'ambiente. Ma soprattutto lotta al fianco dei lavoratori, i suoi amici dell'Adelchi in particolare. Anni di impegno politico, anni di battaglie per una società più giusta, un cuore immenso che non può lasciare vuoti. Un cuore immenso che continuerà a battere dentro ognuno di noi. A sua moglie Angela ed a sua figlia Gloria, che presto ci raggiungerà in questo mondo, va il nostro abbraccio più forte. A Michele va tutta la nostra gratitudine per averci regalato il suo esempio. Un esempio di uomo giusto. Ciao Michele", conclude Salvatore Capone.

Il sindaco di Lecce Paolo Perrone ha appreso con profonda commozione e dolore la scomparsa improvvisa del giornalista Michele Frascaro. "Mi aveva sorpreso la passione e la tenacia - ricorda il primo cittadino - con la quale Michele lottava per la sicurezza dei lavoratori. Fin dal 2008 l'amministrazione comunale aveva dato supporto e collaborazione alle sue iniziative su questo tema. Ieri sera la notizia della sua morte ci ha sbigottiti. Un bravo professionista riconosciuto da tutti, ma a me era sembrato sin dall'inizio anche una persona gentile e garbata, come pochi. Uno di cui sai per certo che non potrai mai condividere l'ideologia e gli ideali politici, ma che ti piace e che apprezzi. Uno che non sta dalla tua parte politica, e che sai che, così coerente e deciso, non lo sarà mai. Vedendolo in azione, tempo fa, mi era quasi venuto da dire: "Peccato, a noi uno così farebbe davvero comodo". Non potremo mai scordarci di lui. Il nostro impegno per la sicurezza dei cittadini sul posto di lavoro proseguirà in suo onore. Glielo dobbiamo. Ciao Michele".

"Sconcerto e profondo dolore, questo è il sentimento che mi porto dentro da ieri sera, dopo aver appreso la notizia della scomparsa di Michele Frascaro. Persona per bene, sempre attiva e pronta a dar voce ai problemi degli ultimi. Ci legava un rapporto di grande stima reciproca. Anche nell'ultima telefonata abbiamo parlato dei lavoratori dell'Adelchi e di come potergli dare una mano. Insieme abbiamo anche affrontato uno degli argomenti che più gli stavano a cuore, la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro". Sono le parole dell'onorevole Teresa Bellanova, del Pd. Che aggiunge: "L'immagine che meglio lo rappresenta è quella delle sue vene gonfie, non di rabbia cieca, ma di passione ed amore. La passione e l'amore che Michele metteva nel suo lavoro, nel suo impegno politico, nelle sue lotte contro le ingiustizie. Insieme alla moglie Angela, alla quale rivolgo il mio abbraccio, racconteremo a Gloria, la figlia che sta per nascere, tutta la passione e l'amore di cui suo padre era capace. Passione ed amore che continuerà a gonfiare le vene di tutti noi, che abbiamo avuto la fortuna di conoscere Michele".

"Il dolore e lo sgomento prevalgono in queste ore. Un dolore intenso e inatteso. Appena appresa la notizia dell'improvvisa morte di Michele Frascaro, il mio pensiero è corso subito alla moglie Angela che presto darà alla luce Gloria". Così Sergio Blasi, il segretario regionale del Pd, candidato alla Regione. "Michele era un punto di riferimento per chi rivendica la sicurezza nei luoghi di lavoro, per chi vuole un ambiente sano e non "manipolato" da classi dirigenti ottuse, per chi vuole una società più attenta ai problemi delle minoranze. Un impegno in prima persona al fianco dei lavoratori, quegli stessi lavoratori diventati amici in una delle questioni più drammatiche del Salento. Gli operai dell'Adelchi erano al suo fianco, ieri sera, quando Michele ci ha lasciato improvvisamente".

"Lascerà un vuoto incolmabile - aggiunge Blasi -, Michele, ma sarà riempito sicuramente dal ricordo del suo impegno incondizionato, colmo di passione e di amore. Giornalista sempre attento alla ricerca della notizia, quella più scomoda e nascosta. Politico sempre attento e vicino alla gente ed ai più deboli. A Michele rivolgo un semplice grazie per tutto quello che ha fatto. A sua moglie Angela ed ai suoi cari, giunga la mia vicinanza ed il mio affetto sincero. Grazie Michele".

"Nei proverbi di Salomone è scritto: è meglio abbassarsi con gli umili che spartire la preda coi superbi. Michele è sempre stato dalla parte degli umili, e se c'è una legge alla quale ha sempre disobbedito con convinzione è stata quella della conformità e delle morbide ipocrisie mediatrici della politica. Un compagno, un giornalista, di quelli che fanno le inchieste, di quelli che stanno per strada accanto agli ultimi". Questo il pensiero del movimento Sinistra Ecologia e Libertà.
"Un modo totale di vivere la professione e l'impegno civile, che coloro che rimangono difficilmente potranno eguagliare. Per raccogliere il testimone che ci lascia Michele ci vogliono intuito, coraggio, generosità, sacrificio di sé. Ci vuole un altro Michele, e questo difficilmente potrà essere. Ricordiamo tutte le battaglie che ha ingaggiato, tutte le storie di lotta per la dignità e la giustizia, che hanno trovato sulla sua bocca e nella sua penna un testimone instancabile, irruducibile a qualsiasi ragion di stato o di partito".

E sempre ha scelto la stessa parte, e sempre si è trovato contro gli stessi avversari: da un lato gli immigrati, i disoccupati, quelli che l'economia o la legge mette in ginocchio e non hanno niente con cui difendersi, se non il proprio corpo - prosegue la nota di Sinistra Ecologia e Libertà -, e dall'altro l'arroganza del potere, la superbia del danaro, un concetto offuscato e pervertito di impresa o di assistenza ai migranti. La più grande lezione che Michele ci lascia è quella di un percorso politico, professionale e umano che col tempo lascia intatta la capacità di indignarsi, di lottare, di risvegliare le coscienze dal torpore dell'omologazione. Ad Angela e Gloria, alla sua famiglia vanno i nostri abbracci e la condivisione di un profondo dolore. Ciao Michele".

Anche la Cgil "esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Michele Frascaro. Un giovane che ricorderemo sempre per la sua instancabile forza e tenacia nell'affrontare le ragioni dei più deboli. Un compagno, pronto in ogni momento a lottare per i diritti dei lavoratori, contro le ingiustizie sociali, per la pace, per la legalità e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Un giornalista militante, appassionato e determinato, sempre al fianco e al servizio di chi non ha voce, in grado di rompere gli schemi della comunicazione e dell'informazione, sempre per il bene e l'utilità sociale. Ci stringiamo al dolore della famiglia di Michele e abbracciamo forte la moglie Angela".

Anche Italia dei valori della provincia di Lecce "esprime le più sentite condoglianze nei confronti dei familiari di Michele Frascaro, direttore della rivista L'Impaziente giornalista attento alla cronaca del mondo del lavoro e dell'ambiente. Michele è sempre stato dalla parte degli umili un giornalista di quelli che fanno le inchieste, di quelli che stanno per strada accanto agli ultimi ".

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Codacons: tariffe telefoniche in grave aumento

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

Torna su
LeccePrima è in caricamento