Si lancia nel vuoto dal quarto piano dell’ospedale: un 66enne perde la vita

E’ accaduto alle 3 di questa notte, nel reparto di Medicina del “Vito Fazzi” di Lecce. Un uomo di Vernole non ce l’ha fatta

Il pronto soccorso dell'ospedale di Lecce

LECCE – Un volo nel vuoto per lasciare, per sempre, la vita. Un uomo, nel cuore della notte, ha deciso di farla finita, lanciandosi dal quarto piano dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Il degente, un 66enne di Vernole, era ricoverato da alcuni giorni nel reparto di Medicina del nosocomio leccese.

Intorno alle 3, si è inerpicato sul davanzale della finestra e si è lasciato cadere nel vuoto, da un’altezza di svariati metri. Lo schianto non gli ha lasciato alcuna speranza. Raggiunto immediatamente dallo stesso personale ospedaliero del pronto soccorso, per lui non c’è stato più nulla da fare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’impatto col suolo, ha rimediato gravi lesioni che non gli hanno lasciato scampo. Il cadavere è stato trasferito nella camera mortuaria della struttura dove, nelle prossime ore, sarà ispezionato esternamente dal medico legale. Sconosciute, al momento, le cause di un gesto estremo che ha gettato i famigliari nello sconforto e in un indicibile dolore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento