Sulla spiaggia della riserva naturale trovati altri 48 chili di marijuana

Il rinvenimento è avvenuto questa mattina a opera dei carabinieri del Nucleo tutela biodiversità della marina di San Cataldo

VERNOLE – Ancora marijuana nella riserva naturale statale “Le Cesine”, in territorio di Vernole. Dopo il ritrovamento avvenuto alla fine di ottobre, sempre sulla spiaggia dell’oasi, a opera dei carabinieri della stazione di Vernole  del Nucleo operativo radiomobile di Lecce, sono stati questa volta i militari del Nucleo tutela biodiversità di San Cataldo a scovare ben 48 chilogrammi di “erba”.

Comunicato stampa 4.11-2Il ritrovamento è avvenuto questa mattina, nel corso di controlli lungo la costa adriatica. Lo stupefacente era sulla spiaggia, a pochi metri dal mare, raccolto in due voluminosi involucri di plastica sigillati. Dentro,  numerosi panetti di marijuana, posti sotto sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si presume che la droga possa essere stata abbandonata in mare da trafficanti provenienti dalle vicine coste dell’Albania e in seguito trasportata sull’arenile dalle onde. Prima ancora di questi due ultimi ritrovamenti presso “Le Cesine”, il 22 ottobre, erano stati i finanzieri a scovare sostanza stupefacente sulla costa, ma in quel caso qualche chilometro più a sud, nella zona di San Foca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

  • Rave nelle campagne, musica sparata per ore: sgomberati in circa 300

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento