homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Sulla suola marchio "Vero cuoio", ma è solo imitazione

Sono 430 le scarpe sequestrate dalla guardia di finanza in vendita presso un negozio in una via centrale di Lecce. Denunciato il titolare di un laboratorio della provincia che riforniva il negozio

DSC_0198
LECCE - Sulla suola delle scarpe vi era stampato il classico marchio "Vero Cuoio" ma le 430 calzature sequestrate dalla guardia di finanza di Lecce in vendita presso un negozio situato in una via centrale del capoluogo salentino, erano praticamente fasulle.

Il controllo dei militari si è poi esteso anche nel laboratorio di produzione, in un paese dell'hinterland leccese, dove hanno rinvenuto e sequestrato altre 52 scarpe, oltre a 45 fondi per calzature, 19 sottopiedi ed un cliché riportante il logo "vero cuoio" ma contraffatto.

Il titolare, un uomo di 57 anni originario della provincia di Napoli ma residente nel Salento, è stato denunciato all'autorità giudiziaria per "contraffazione di segni distintivi di prodotti industriali" e "introduzione nello Stato e vendita di prodotti con segni falsi".
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Anonimo
    Anonimo

    Non invoco nulla e spero di non incappare comunque in qualche truffa. Per tutto ciò che non esce sul giornale, avete una chance: telefonate voi stessi alla guardia di finanza. Sicuramente a voi diranno tutto ciò che a noi è precluso.

  • non capisco proprio perche' si mettono nomi cognomi e foto di un furto nei gazebo di p.zza libertini, che potrebbe (dico potrebbe) essere frutto di una bravata di ragazzi, comunque da condannare, mentre chi ruba i clienti con merce fasulla resta nell'anonimato. perche' non pubblicare anche il nome del negozio? direttore non invochi perfavore il diritto alla privacy in casi di truffatori in cui potrebbe incappare anche lei

  • E a proposito del pacco e paccotto, alias bidone......"Naturam expellas furca, tamen usque recurret" - Puoi cacciare l'indole naturale con un forcone: ma tornerà sempre di nuovo (Orazio, Epistole, 1,10,24) .

  • Avatar anonimo di Anonimo
    Anonimo

    Vorremmo anche il nome del negozio.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rubano vini per la festa di Santa Domenica: via con bottiglie per 30mila euro

  • Cronaca

    Street control, il nuovo calendario delle vie cittadine “spiate” dalla videocamera

  • S.M. Leuca

    A Santa Maria di Leuca una “cascata” di luci: si illumina l’imponente scalinata

  • Cronaca

    Sottraeva denaro dalla farmacia in cui era impiegato, condannato a due anni

I più letti della settimana

  • Testacoda e schianto in galleria contro la colonnina degli estintori

  • Tragedia nella pineta di Orte, 43enne trovata impiccata ad un albero

  • I turisti della Le Lyrial salutano Otranto dalla nave. Il sindaco va su tutte le furie

  • Oltre duemila ricci pescati nella riserva marina: denunciati in tre

  • Dopo il maxi arsenale trovato nella masseria scattano le manette

  • Sottraeva denaro dalla farmacia in cui era impiegato, condannato a due anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento