Ruba nel bar di notte: la fuga termina in una casa confinante con la sua

A Taurisano i poliziotti hanno arrestato un 22enne che aveva appena compiuto un furto. Condannato per direttissima al mattino

TAURISANO – Arrestato e poi condannato per direttissima a un anno e due mesi, con pena sospesa. Si tratta di Alessandro Manco, 22enne di Taurisano, bloccato dai poliziotti del Commissariato di Taurisano con l’accusa di furto aggravato.

Tutto è accaduto nel corso della notte, quando gli agenti a bordo di una volante, in corso Umberto I, hanno notato nei pressi di un bar un giovane. Questi, ha subito iniziato a scappare. E’ stato in quel momento che i poliziotti si sono accorti anche del fatto che una finestra del bar era infranta e che la cassa era aperta sul bancone.

I poliziotti hanno inseguito a piedi il giovane che si è rifugiato nella propria abitazione. La porta è stata aperta dal fratello dopo un po’ di tempo. Ma, intanto, Manco aveva scavalcato il muro di confine con un’altra abitazione, nel tentativo di far perdere definitivamente le tracce. Ma gli è andata male. E’ stato rintracciato e definitivamente fermato.

Durante le perquisizioni, in bagno gli agenti hanno rinvenuto la somma sottratta dalla cassa, poco meno di 50 euro. In mattinata, la condanna per direttissima.

Potrebbe interessarti

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Talenti dal Salento: una giovane ballerina ammessa alla Biennale di Venezia

  • Come avere sopracciglia folte, naturali e curate

I più letti della settimana

  • Un “Tornado” su gruppo di stampo mafioso: 27 arresti, indagato anche un sindaco

  • Tragedia nel pomeriggio ad Otranto. Una donna si lancia dalle mura del castello

  • Scontro tra auto e moto: un 25enne finisce in Rianimazione

  • Dramma al mare: bagnante annega nonostante i soccorsi di un medico in spiaggia

  • Lesioni troppo gravi nello scontro in moto: non ce l’ha fatta il 25enne

  • Una fuga di gas e l'alloggio si sbriciola: zio e nipote travolti dall’onda d’urto

Torna su
LeccePrima è in caricamento