Tenta il suicidio in casa del padre, salvato dall'intervento dei carabinieri

E' accaduto in mattinata nella zona 167 di Lecce. Solo la prontezza dei militari ha evitato che un tragico epilogo per il ragazzo

LECCE - Chi salva una vita salva il mondo. Può essere racchiusa in questa frase del Talmud lo straordinario intervento compiuto dai carabinieri del Norm di Lecce che, con caparbietà e professionalità, sono riusciti a salvare la vita di un ragazzo che ha tentato di togliersi la vita impiccandosi nella propria abitazione in piazzale Cuneo, nella zona 167 di Lecce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allertati dal 118, i militari si sono diretti a casa dell’aspirante suicida. L’uomo, dopo aver stretto la corda intorno al collo, si è lasciato andare. I carabinieri sono intervenuti prontamente: uno lo ha sollevato per agevolare la respirazione e allentare la stretta del cappio, l’altro con un coltello da cucina ha tagliato la corda. Poi, dopo averlo liberato, hanno dovuto bloccarlo mentre cercava di raggiungere balconi e finestre per lanciarsi nel vuoto. Riportato alla calma il ragazzo è stato accompagnato all’ambulanza del 118 e trasferito presso l’ospedale “Vito Fazzi”, dove sarà sottoposto alle cure del caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Positiva prima di un day service ambulatoriale: nuovo caso Covid-19 nel Salento

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

  • Attende una donna conosciuta online, si ritrova i rapinatori in casa: denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento