menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Tentano un furto di pannelli. L'allarme li mette in fuga

Questa mattina alcuni individui si sono introdotti in un parco fotovoltaico di Lizzanello. L'allarme, collegato ad un istituto di vigilanza, è scattato prima che 3 pannelli venissero trafugati, assieme ad alcuni cavi in rame

LIZZANELLO - L'allarme, collegato via ponte-radio, li ha allertati intorno alle 6,40 di questa mattina. I vigilanti dell'istituto privato Velialpol hanno raggiunto immediatamente il parco fotovoltaico, in zona "Masseria Forno Alto", a Lizzanello, sospettando la scena alla quale avrebbero assistito.

Nell'area gestita dalla società Royal Club Snc, con sede legale a Perugia, sono stati installati circa 5mila pannelli per la produzione solare di energia elettrica, ma tre fra questi erano stati divelti per poi essere trafugati. Poco distante, inoltre, è stata rinvenuta una canalina, aperta, dalla quale chi ha agito pensava di asportarne i cavi i rame.

Nessuna telecamera di videosorveglianza era installata nel parco. Il personale dell'istituto di vigilanza ha segnalato il tentato furto ai carabinieri della compagnia di Lecce e ai proprietari della società umbra, che nelle prossime ore raggiungeranno il Salento.

Potrebbe interessarti


Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Maria
    Maria

    Vorrei dire ai proprietari che poveretti arriveranno qui di corsa nel salento dopo questo tentativo di furto dei loro stramaledetti pannelli fotovoltaici, di smontarseli e di portarseli a perugia, ci libereremo cosi' in un sol colpo dei pannelli e dei loro proprietari che vengono qui a investire distruggendo la nostra amata terra.

  • Avatar anonimo di Antonio
    Antonio

    Poverini,...Ma che se li vadano a mettere a Perugia i loro schifosissimi pannelli fotovoltaici del cavolo,  basta cn la devastazione sistematica del Salento . FERMIAMO LA CALAMITA' FOTOVOLTAICO NEI CAMPI !!!!!

Più letti della settimana

Torna su