Calci e coltellate, 28enne ferito gravemente. In arresto padre e figlio

Rispondono di tentato omicidio due uomini fermati a Gagliano del Capo, poco dopo una rissa scoppiata a quanto pare per futili motivi. La convivente della vittima, che ha assistito all'aggressione, ha chiesto aiuto

Piazza Falcone e Borsellino.

GAGLIANO DEL CAPO – Un’aggressione con calci e anche due coltellate, un 28enne accasciato al suolo, le richieste disperate di aiuto della compagna che ha assistito attonita alla scena.

Sono questi gli elementi che delineano il tentato omicidio avvenuto ieri sera in piazza Falcone e Borsellino, a Gagliano del Capo. I carabinieri della locale stazione, in collaborazione con i loro colleghi del nucleo operativo radiomobile della compagnia di Tricase, hanno arrestato due persone: si tratta di Antonio Savarelli, 47enne del posto, e del figlio Salvatore, di 24 anni.

La vittima è stata colpita con un coltello al polmone destro e alla scapola nell'apice di una lite nata, a quanto pare, per futili motivi. Trasportato d’urgenza all’ospedale “Panico” di Tricase, il ferito è stato sottoposto a intervento chirurgico o poi trasferito nel reparto di Terapia intensiva, dove si trova ricoverato con prognosi riservata. Le ricerche degli aggressori sono partite immediatamente e si sono concluse in breve tempo: padre e figlio sono stati accompagnati in carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento