Tre furti in fumo: ladri “visitano” studio radiologico, scuola e casa

Le guardie giurate sono intervenute a Presicce, Squinzano e Lecce, dove i malviventi hanno provato a mettere a segno dei colpi. Nessun bottino

Foto di repertorio.

PRESICCE – Almeno tre furti, fortunatamente andati in fumo, nelle ultime ore nel Salento. La scorsa notte, poco dopo le 3, i ladri hanno provato ad accedere in uno studio radiologico di Presicce, dopo aver danneggiato la porta di ingresso dello studio medico. Il sistema di allarme ha però richiamato sul posto le guardie giurate dell’istituto di vigilanza “De Iaco Security”.

I vigilanti hanno trovato il portone forzato, ma i malviventi si sono dileguati non avendo avuto il tempo sufficiente per portare via nulla. Poche ore prima, intorno alle 22, i colleghi di un’altra agenzia di sicurezza, la “Ggs la Velialpol”, sono inoltre intervenuti anche a Squinzano. Qui i ladri hanno provato ad entrare nella scuola media di via Moretto. Anche in questo caso i malviventi hanno danneggiato lievemente la porta di ingresso, senza tuttavia asportare nulla. Dell’accaduto sono state poi informate le forze dell’ordine.

A Lecce, infine, in azione anche i topi d’appartamento. Le guardie giurate hanno infatti raggiunto via Giuseppe D’Oria, nella serata di ieri, per un antifurto scattato in un’abitazione. I malviventi, dopo l’ingresso, hanno rovistato nella camera da letto, mettendo a soqquadro gli ambienti. Sono però fuggiti, lasciando il piano inconcluso. Il sopralluogo è stato poi eseguito dalla polizia, allertata dalle guardie giurate.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento