Mezzo meccanico ed esplosivo per cercare di asportare il bancomat: piano fallisce

Il colpo intorno alle 3 e mezzo a Torre San Giovanni di Ugento, ai danni della filiale della Banca popolare pugliese. Qualcosa è però andato storto: niente bottino

L'istituto di credito colpito.

TORRE SAN GIOVANNI (Ugento) – Una banda tenta di asportare lo sportello bancomat, ma qualcosa va storto e il piano fallisce: via a mani vuote. Tanto "lavoro" per nulla, la scorsa notte a Torre San Giovanni, frazione marittima di Ugento, dove i ladri hanno preso d’assalto il forziere della filiale della Banca Popolare pugliese, in via dei Bizantini.

Intorno alle 3 e mezzo, infatti, presumibilmente attrezzati con un mezzo meccanico dotato di braccio e dell'esplosivo, i malviventi hanno cercato di sradicare l’atm dal muro, per portare via i contanti contenuti all’interno e, quasi certamente, caricati dai dipendenti della banca solo in mattinata, in vista della maggiore richiesta di denaro del fine settimana. Probabilmente, però, l'esplosivo era poco: è infatti saltata via la maschera dello sportello, ma i soldi sono rimasti all'interno, intatti.

Sia per l’attivazione del sistema di allarme, sia per il passaggio della pattuglia dell'istituto Cosmopol, la banda si è poi dileguata lasciando il colpo incompiuto. Sul luogo, poco dopo, i carabinieri della compagnia di Casarano per eseguire i rilievi. In zona dovrebbero esservi delle videocamere di sorveglianza, oltre a quelle installate all’esterno dell’istituto di credito. I militari dell’Arma stanno lavorando e, anche questa mattina, sono tornati sul posto per nuovi sopralluoghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento