Smontano 400 metri di cavi in rame dall’impianto, ma il furto viene sventato

E’ accaduto poco prima della mezzanotte a Vitigliano, la frazione di Santa Cesara Terme. Sul posto, vigilanti e agenti di polizia

I cavi arrotolati per essere portati via

VITIGLIANO (Santa Cesarea Terme) – Questa volta, i ladri hanno preso di mira l’impianto fotovoltaico per portare via non dei pannelli solari, bensì i cavi in rame. Ma il piano è andato in fumo. E’ accaduto nella tarda serata di ieri, a Vitigliano, la frazione di Santa Cesarea Terme.

Sono stati i vigilanti della “Bcs security”, tramite le videocamere di sorveglianza installate nel parco, a scorgere l’accaduto. Pochi minuti prima della mezzanotte, infatti, le guardie giurate hanno notato un paio di individui che si aggiravano in zona. Sul posto sono giunti immediatamente gli operatori dell’agenzia di sicurezza e gli agenti di polizia del commissariato idruntino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All’interno del campo per la produzione di energia elettrica, le forze dell’ordine hanno rinvenuto oltre 400 metri di cavi in rame, smontati e poi abbandonati per terra a causa della fuga improvvisa alla quale sono stati costretti i malviventi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Salvato in extremis dal suicidio, in mano un biglietto d'addio incompiuto

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Fra serra e casa una piccola fabbrica della marijuana: arrestato

  • Tenta rapina nel market, ma il cassiere reagisce. Arrestato dopo la fuga

  • Spaccio di stupefacenti, armi e rapine, in 23 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento