Il vetro del centro scommesse in frantumi: ladri “disturbati” dall’allarme

Il colpo è sfumato, intorno alle 3 della notte, in un’agenzia di scommesse sportive a Melendugno. Una volta all’interno, i malviventi hanno anche aperto le slot machine, ma sono stati costretti alla fuga

Carabinieri e vigilanza sul posto.

MELENDUGNO – I ladri provano a mettere a segno un colpo, nella notte, ma il piano sfuma e loro se ne vanno a mani vuote. È accaduto a Melendugno, poco prima delle 3, ai danni del centro scommesse Eurobet in via Fratelli Longo. I malviventi hanno mandato in frantumi il vetro della porta di ingresso, per poi accedere all’interno del locale.

Fortunatamente, il sistema di allarme si è subito attivato, richiamando sul posto sia le guardie giurate dell'istituto di vigilanza Alma Roma, sia le forze dell’ordine. La banda, intanto, si era già diretta verso le slot machine custodite nell’esercizio, aprendole per arraffare i contanti.

Ma disturbati dal frastuono dell’antifurto e, probabilmente, da un messaggio lanciato da  un complice che ha atteso all’esterno, sono subito fuggiti senza portare via nulla Sul luogo, intanto, i carabinieri dell’Aliquota radiomobile della compagnia di Lecce, assieme al proprietario dell’attività commerciale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Cronaca

    Pestato e ferito da un colpo d'arma, preso il complice del violento raid

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

  • Cronaca

    Morte in carcere, prime conferme sul suicidio. Resta il nodo dei farmaci

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

Torna su
LeccePrima è in caricamento