La vacanza finisce in tragedia: risucchiato dalle onde, muore 31enne

Torre Mozza: Francesco Volturo era originario di Enna, ma abitava in Belgio. La sua ragazza è riuscita a tornare a riva e a chiedere soccorso, ma ormai non c'era più niente da fare

TORRE MOZZA – Una vacanza è terminata con una terribile tragedia per una giovane coppia di turisti, in visita nel Salento da alcuni giorni. Il mare ha strappato la vita di Francesco Volturo. Aveva 31 anni ed era originario di Enna, in Sicilia, sebbene abitasse a Charleroi. La sua fidanzata si è salvata. E’ stata proprio lei ad avvisare i soccorsi, ma, purtroppo, quando i militari della guardia costiera hanno recuperato il giovane, ormai c’era ben poco da fare.

Volturo e la ragazza, nel primo pomeriggio, si trovavano verso Torre Mozza, in un punto sabbioso, Il mare, oggi, sul litorale ionico, era molto mosso: forza 4. Tuffarvisi non era consigliabile. Tuttavia, verso le 15, la coppia ha voluto comunque lanciarsi in acqua, e intorno forse non c’era nessun altro. Il risucchio delle onde, ben presto, deve aver preso il sopravvento e averli trascinati a una certa distanza dalla riva, almeno 200 metri. Lei è riuscita comunque a rientrare, ma il 31enne, con ogni probabilità, ha bevuto troppa acqua, può darsi che sia stato colto da un malore nell'immenso sforzo di sfidare la corrente per cercare il rientro. E poco dopo è stato visto galleggiare, con la testa reclinata in acqua.

La ragazza, che non parla nemmeno bene l’italiano, ha cercato disperatamente aiuto e l’ha trovato in un passante che, compresa al volo la situazione, ha subito chiamato il 1530. La sala operativa della capitaneria di porto ha inviato subito in zona una motovedetta da Gallipoli.

Tuttavia, la stessa corrente che aveva sospinto al largo il povero giovane, l’ha rimandato indietro, verso riva, tanto che è stato recuperato da altri militari, arrivati da terra, nei pressi di un’insenatura. Sul posto era già giunta l’ambulanza del 118. Gli operatori hanno tentato a lungo di rianimare il 31enne, ma non c’è stato davvero nulla da fare. Il corpo è stato trasferito così presso la camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Sarà probabilmente disposta un’ispezione esterna.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Tallonano la Punto, poi il colpo di pistola per far scendere la vittima

  • Paura sulla statale: perde il controllo e si schianta contro guardrail e albero

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

Torna su
LeccePrima è in caricamento