Banconote false, anziano raggirato e finte vendite: truffatori nei guai

Due denunce e un arresto: è il bilancio delle ultime ore nel Salento. Le misure ad Alezio, Surbo e Martano

Foto di archivio.

ALEZIO – È di due denunce e un arresto il bilancio delle ultime ore, nel Salento, per truffe e raggiri. Ad Alezio, per cominciare, è finito nei guai P.B., un 41nne di origini napoletane, deferito in stato di libertà. Già noto alle forze dell’ordine, è finito ora nei guai per il reato di truffa ai danni di un anziano del luogo a seguito dell’attività di indagine. Lo scorso 29 novembre, il vecchietto era stato avvicinato dall’indagato che, dopo aver raccolto alcune informazioni sulla vittima, le avrebbe fatto credere di essere il figlio del suo più caro amico ed ex collega di lavoro. E non è tutto.

Avrebbe inoltre dichiarato di avere bisogno immediato di denaro, dal momento che il padre, orami da tempo, era ricoverato per una grave malattia presso un ospedale di Milano. l’anziano, premuroso verso il figlio di quell’amico così caro, ha consegnato repentinamente una banconota da 50 euro, per poi farsi seguire a casa, dove avrebbe offerto al malvivente altre 150 euro.

Soltanto in un secondo momento l’anziano si è accorto della truffa, essendosi sincerato delle ottime condizioni di salute dell’amico.  Si è recato presso la stazione dei carabinieri e i militari della stazione di Alezio, guidati dal maresciallo Paolo Novello, hanno acquisito i filmati di videosorveglianza delle telecamere sparse per tutto il tragitto effettuato dalle autovetture del truffatore e della vittima, sino all’abitazione dell’anziano. L’analisi dei filmati ha così permesso di risalire alla targa del veicolo e all’esatta identità dell’autore. Ora nei guai.

A Martano, inoltre, i carabinieri del posto hanno deferito sempre per truffa A.S., una 26enne della provincia di Catania. Attraverso l’utilizzo di un falso profilo su Facebook, dopo aver negoziato la vendita di uno smartphone, la ragazza sarebbe riuscita ad ottenere dal malcapitato l’accredito, tramite ricarica Postepay, della somma di 450 euro, senza consegnare la merce pattuita.

MAGGIO GIUSEPPE - Copia-2Nelle ultime ore, infine, i militari di Surbo hanno arrestato Giuseppe Maggio, 34enne affidato ai servizi sociali. Nonostante la misura, infatti, l’uomo si sarebbe fatto cambiare tre banconote da 20 euro, tutte false, all’interno del parcheggio del centro “Mongolfiera”. La vittima, una 61enne del luogo, si è rivolta al 112. L’uomo è stato rintracciato poco dopo ed è finito ai domiciliari.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • ma io dico come si fa ancore nel 2019 a credere a tutti sti buffoni di corte, ma non so, forse sarò che non mi fido neanche di me stesso?comunque fin quando ci saranno sti polli , che devo dire , fanno bene

  • Segnalo un altro anzi 2 metodi di truffa "di moda" in questo periodo. 1) Il trucco della foto dell'assegno. Vi chiedono per fiducia riguardo ad un acquisto online o anche dal vivo, al posto della caparra, amichevolmente di fare UNA FOTO ALL'ASSEGNO, per garanzia "tra amici" e inviarla sul loro telefono. Non vi danno la merce ovviamente, stampano l'assegno in alta risoluzione e con fotoritocco, e poi lo presentano all'incasso. Ci sono una marea di cassieri che sono poco attenti e raramente fanno i controlli o quasi mai, sulla filigrana e la carta dell'assegno.Lo incassano e ciao. 2) Il trucco della mail. Vi arriva una mail che dice " sono un hacker sono entrato nella tua mail e nel tuo sistema, invia tot euro o tutte le tue foto, tutti i tuoi dati e le cose compromettenti finiranno in rete ." Alcuni polli ci sono cascati perchè la mail è inviata CON IL VOSTRO INDIRIZZO MAIL. Allora pensano che qualcuno sia entrato nella mail. MA NON E' COSI'. E' possibile spedire una mail da PINCOPALLO@MAIL a PINCOPALLO@MAIL anche se non si è pincopallo. In pratica si può fare un clone dell'indirizzo mail e spedire la mail con quell'indirizzo a pincopallo. In realtà NESSUNO è entrato nella vostra mail, NESSUNO è entrato nel vostro computer, è solo un clone del vostro indirizzo email. Quindi non cascate a quest'altro trucchetto oltretutto diffusissimo.

    • Perdonami ma questa cosa dell'assegno è pura fantasia

      • assolutamente vera,

  • Sapendo che male che vada, vengono solo denunciati, è normale che continueranno a raggirare e frodare il prossimo, soprattutto gli anziani. Se li sbattessero in galera per un mese a pane acqua e frustate con pene raddoppiate in caso di recidività, penso che quantomeno ci ripenserebbero per una eventuale prossima volta!

  • Che bella gente....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Una 15enne: “Lo zio mi ha molestata per sette anni”. Via all’inchiesta

  • settimana

    Nuova irruzione in banca in pieno giorno: caccia ai rapinatori

  • Attualità

    Si urla al complotto per un photored, ma sulle regole poi ci si autoassolve

  • Cronaca

    Farmaci scaduti al “Vito Fazzi”, convalida del sequestro. Due indagati

I più letti della settimana

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Si scaglia contro il rapinatore e lo fa arrestare: da lunedì avrà un contratto nel market

  • Fascette per legargli zampe e collo, un cane chiuso nel sacco e gettato nel canale

  • Impatto devastante all'incrocio di notte: due feriti e auto distrutte

  • Giallo Martucci, rivelazioni delle sorelle. “L’assassino lo abbiamo tra le mani, andate a prenderlo”

  • S'imbatte nella Classe A, riconosce i truffatori e li fa prendere dalla polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento