Orrore a Trepuzzi: taglio alla gola, il marito la uccide poi tenta la fuga

La vittima è Teresa Russo, 57enne. Sul posto per le indagini si sono recati i carabinieri. E' stato fermato Michele Spagnuolo, di 77 anni. Un inquietante biglietto

TREPUZZI – I giorni passavano e l’angoscia saliva. “Se succede qualcosa, anche di notte, posso chiamarti?”, chiedeva a Sabrina Panna, la sua interprete, la donna che la stava aiutando con le pratiche per il divorzio. Era diventata anche una confidente. Forse la più stretta di Teresa Russo. Condannata dalla patologia a coltivare in silenzio ogni sua paura, 57 anni, sordomuta, dipendente dell’ufficio postale, Teresa trovava la sua ancora con sms, ma soprattutto con videomessaggi in cui comunicare a gesti.

Ma quali fossero le vere intenzioni del marito, Michele Spagnuolo, 77enne, pensionato, anch’egli sordomuto, non era per nulla chiaro. Non le aveva manifestate apertamente. Si credeva che volesse andare via. E questo era forse vero. Ma non si credeva davvero che, prima, intendesse togliere la vita alla donna con cui aveva condiviso una vita intera fatta anche di gioie, come il matrimonio e un figlio. E non certo solo della discesa in quell’inferno di rancori in cui precipitano a volte le coppie, alla fine delle loro storie.  

L'inquietante biglietto: "Teresa già morta"

E invece. Dopo aver ucciso la moglie con brutalità, a coltellate, è stato rintracciato presso la stazione ferroviaria. I carabinieri di Trepuzzi, qualche minuto dopo le 16, quando era arrivata in caserma la notizia del tragico rinvenimento e avuta conferma con un sopralluogo, avevano già avviato una serrata ricerca in tutto il paese. Lui, però, prima era arrivato proprio davanti alla caserma e aveva lasciato un biglietto. C’erano i dati della moglie e un’inquietante scritta: “Già morta”.

Rintracciato, portato in caserma, convocato un interprete, Michele ha finito per confessare ciò che i rilievi della Sezione investigazioni scientifiche guidata dal luogotenente Vito Angelelli, avrebbero comunque scoperto. Troppi i segni lasciati in casa, le impronte. Una scena difficile anche da descrivere: il sangue era sparso in tutta la cucina dell’abitazione al primo piano di via Generale Papadia, laddove è stato ritrovato il cadavere. E se fatale è stato un profondo fendente alla gola, i colpi sono stati di più, anche in altre parti del corpo.

Almeno due quelli notati sul torace, ma solo l’autopsia, affidata al medico legale Alberto Tortorella, potrà evidenziare eventuali altre lesioni. Il fascicolo sul caso è in mano al pubblico ministero Luigi Mastroniani. Le indagini sono dei carabinieri del Nucleo investigativo, comandati dal maggiore Paolo Nichilo, e della stazione locale, che fa capo alla Compagnia di Campi Salentina.    

La paura di un tragico epilogo

Nessuna denuncia era stata presentata, nel tempo, ma ultimamente aveva paura, Teresa. L’amore era finito e la decisione di dividere le proprie strade non deve essere stata facile. E più si avvicinava il momento del divorzio, più la situazione stava assumendo una piega complessa, con litigi. Michele, di certo, non doveva aver mai accettato la situazione. E così, proprio nelle ultime ore c’era stata un’escalation di segnali che aveva reso l’aria torbida.

Alle 11 di questa mattina, in una videochiamata, l’interprete aveva ricevuto una strana rivelazione: sembra che il marito avesse fatto sparire le chiavi della sua stanza da letto. Dormivano in camere separate e per il dramma di non poter sentire rumori, i passi nel buio, Teresa sapeva che non avrebbe riposato questa notte. Ma la notte, questa, per lei, non è mai arrivata. E dal suo sonno, ora, non si sveglierà più.

Video. L'intervista: il sospetto che stesse per maturare qualcosa 

La sera precedente c’era stata un’altra chiamata, in cui sosteneva che il marito avesse lasciato una lettera da qualche parte, spiegando la motivazione per cui avrebbe voluto compiere un non meglio precisato gesto. Si pensava fosse quello di andare via. Perché ripeteva spesso una richiesta: “Dammi i soldi, voglio andare via da Trepuzzi. Ti lascio libera e vado via”. L’ultimo messaggio, l’interprete Sabrina, dice di averlo ricevuto alle 15 di oggi. “Michele è uscito”. Poi, più nessun aggiornamento.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Allerta arancione per maltempo anche nel Salento. Scuole chiuse in diversi comuni

  • Rapinatori irrompono in casa, un figlio reagisce: martellata sulla testa

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Furto di energia, truffa e fuoco agli scarti di potatura: arresto e 14 denunce

  • Bimbo si affaccia alla finestra e scopre l'anziano scomparso

Torna su
LeccePrima è in caricamento