Esce per alcune faccende e scompare: 15enne ritrovata a Lecce

A Tricase ore di ansia per una famiglia di origine marocchina. Ieri la denuncia presso i carabinieri. Poi, la scoperta: la ragazzina aveva raggiunto il capoluogo in treno e stava vagando nelle vie vicine alla stazione ferroviaria

La stazione dei carabinieri di Tricase.

TRICASE – Uscita ieri mattina per sbrigare alcune faccende e ritrovata in serata a Lecce, in via Duca degli Abruzzi, non lontano dalla stazione ferroviaria. Sono stati momenti di forte ansia per una coppia di genitori di origine marocchina, residente da qualche tempo nel centro storico di Tricase, non lontano da piazza Don Tonino Bello. La figlia, 15enne, sembrava svanita nel nulla.

Nel luogo in cui si sarebbe dovuta recare, non più di 200 metri in linea d’aria rispetto all’abitazione, non era mai arrivata. E, di certo, non ha fatto nemmeno rientro a casa. Il suo percorso ha avuto una deviazione improvvisa e, almeno inizialmente, misteriosa. Salvo poi capire che aveva raggiunto lo scalo dei treni locale e, da qui, il capoluogo, inziando poi a vagare nelle zone vicine.

Tutto ha avuto inizio quando la famiglia ha iniziato a insospettirsi, non vedendola rientrare all’orario previsto. E un problema grosso risiedeva anche nel fatto che la ragazza non avesse con sé un telefono cellulare. Impossibile rintracciarla. Nel pomeriggio, così, i genitori si sono quindi recati presso la stazione dei carabinieri e hanno sporto denuncia. Avvisati tutti gli organi preposti, in primis la Prefettura, il tavolo tecnico è però saltato quando si è avuta notizia del ritrovamento. Diramate le ricerche, infatti, è stata notata dalla polizia a Lecce e subito fermata.

L’ipotesi più attendibile era quella dell’allontanamento volontario e così, in effetti, è stato. I carabinieri avevano iniziato ad acquisire tutti i filmati delle videocamere della zona di Tricase dove s'era segnalato l'allontanamento, per cercare di capire quale percorso avesse intrapreso la ragazzina e se avesse con sé qualche borsa o uno zaino. In apparenza, in casa, non sembrava mancasse nulla. Poi, in serata, la notizia: rintracciata. Voleva forse affrontare un’avventura, conoscere nuovi posti, magari raggiungere amici nel capoluogo. Questi sono aspetti che affronterà con i suoi genitori. L'importante è che la storia sia a lieto fine.  

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Codacons: tariffe telefoniche in grave aumento

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

Torna su
LeccePrima è in caricamento