Triplice omicidio di Cursi, l’assassino chiederà l’abbreviato

Si avvicina il processo per Roberto Pappadà, responsabile della morte di tre vicini di casa. La strage il 29 settembre scorso, in via Tevere, a Cursi

L'orrore in strada.

LECCE - “So che ho sbagliato e pagherò per quello che ho fatto”, aveva dichiarato durante l’interrogatorio, all’indomani dell’arresto per l’assassinio dei tre vicini di casa Andrea Marti, di 36 anni, e il padre e la zia di questo, Francesco Antonio, di 63 anni, e Maria Assunta Quarta, di 55. Si avvicina il processo per Roberto Pappadà, il 57enne artefice della strage compiuta lo scorso 29 settembre in via Tevere a Cursi.

Chiederà (attraverso l’avvocato difensore Nicola Leo) di essere giudicato col rito abbreviato che gli consentirà di ottenere lo sconto di un terzo della pena. L’stanza sarà avanzata nell’ipotesi in cui il gip (giudice per le indagini preliminari) dovesse accogliere la richiesta di giudizio immediato (che prevede la fissazione del processo col rito ordinario senza il passaggio dell’udienza preliminare) del pubblico ministero Donatina Buffelli, titolare delle indagini. A scatenare la ferocia di Pappadà sarebbero stati vecchi rancori dovuti a ragioni di parcheggio.

Quella sera di fine settembre, liberò la rabbia, premendo il grilletto di un revolver Smith & Wesson calibro 357 magnum, detenuto illegalmente, freddando Andrea Marti, poi il padre e la zia (deceduta successivamente in ospedale). La madre di Andrea, invece, riportò ferite lievi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • In galera, è buttare le chiavi! Stop

  • Non esistono richieste di nessun genere da parte di un individuo che ha interrotto tre vite umane e oltretutto per motivi ridicoli, che venga processato e venga condannato alla giusta sentenza senza perdere tempo e soldi per processi inutili

    • L'imu processare o no??

  • “So che ho sbagliato e pagherò per quello che ho fatto". Ma dopo questa dichiarazione, che senso ha chiedere il rito abbreviato??? Se devi pagare, paga tutto, no?

  • Legge italiana assurda. Ma a cosa serve lo sconto della pena di un terzo? In questo caso in cui c'è flagranza di reato e un reato così grave come un omicidio plurimo, bisogna fare un processo con rito abbreviato direttamente e senza sconti.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Schianto sul palo, l'auto si ribalta: muore due ore dopo in ospedale

  • Cronaca

    Viaggi e cene con i soldi dell’Ateneo: inflitti due anni e tre mesi di reclusione all’ex rettore

  • Attualità

    Affetto da rara malattia, vola in Spagna per l'Erasmus: una storia di buona sanità

  • Cronaca

    Ladri negli uffici di polizia locale, rubati 4mila euro e due personal computer

I più letti della settimana

  • Fa un incidente e chiede aiuto: il "soccorritore" tenta di stuprarla

  • Il futuro abiterà a Caprarica di Lecce, il borgo dove le case costano "1 euro"

  • Vigilante si uccide con una pistola: secondo suicidio simile in poche ore

  • Schianto sul palo, l'auto si ribalta: muore due ore dopo in ospedale

  • Precipita dal tetto del capannone che voleva comprare, muore sul colpo

  • Brillantante servito invece di acqua, ispezioni di Nas e Asl nel bar

Torna su
LeccePrima è in caricamento