Triplice omicidio di Cursi, l’assassino chiederà l’abbreviato

Si avvicina il processo per Roberto Pappadà, responsabile della morte di tre vicini di casa. La strage il 29 settembre scorso, in via Tevere, a Cursi

L'orrore in strada.

LECCE - “So che ho sbagliato e pagherò per quello che ho fatto”, aveva dichiarato durante l’interrogatorio, all’indomani dell’arresto per l’assassinio dei tre vicini di casa Andrea Marti, di 36 anni, e il padre e la zia di questo, Francesco Antonio, di 63 anni, e Maria Assunta Quarta, di 55. Si avvicina il processo per Roberto Pappadà, il 57enne artefice della strage compiuta lo scorso 29 settembre in via Tevere a Cursi.

Chiederà (attraverso l’avvocato difensore Nicola Leo) di essere giudicato col rito abbreviato che gli consentirà di ottenere lo sconto di un terzo della pena. L’stanza sarà avanzata nell’ipotesi in cui il gip (giudice per le indagini preliminari) dovesse accogliere la richiesta di giudizio immediato (che prevede la fissazione del processo col rito ordinario senza il passaggio dell’udienza preliminare) del pubblico ministero Donatina Buffelli, titolare delle indagini. A scatenare la ferocia di Pappadà sarebbero stati vecchi rancori dovuti a ragioni di parcheggio.

Quella sera di fine settembre, liberò la rabbia, premendo il grilletto di un revolver Smith & Wesson calibro 357 magnum, detenuto illegalmente, freddando Andrea Marti, poi il padre e la zia (deceduta successivamente in ospedale). La madre di Andrea, invece, riportò ferite lievi.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Violento nubifragio sferza il Salento. Strade allagate, centri in tilt

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Incendio nel parco di Punta Pizzo. Giallo sul ritrovamento di un cadavere

Torna su
LeccePrima è in caricamento