Trovato senza vita nell'ex casello ferroviario, la Procura dispone l'autopsia

L'esame, disposto dal magistrato di turno, dovrà stabilire se sia stata una overdose a causare il decesso. Indagano i carabinieri

LECCE – E’ stata con ogni probabilità una overdose a causare la morte del 45enne di origine cecoslovacca trovato privo di vita questa mattina all’interno dell’ex casello ferroviario delle Sud Est a Castromediano, nei pressi del Forno Quarta. E’ stata la moglie a fare la triste e macabra scoperta, dopo essere rientrata nell’edificio che la coppia aveva occupato abusivamente dall’inizio dell’anno. La donna ha trovato il 45enne riverso per terra, per lui non c’era più nulla da fare.

Sul posto sono giunti i carabinieri della stazione di Cavallino, guidati dal luogotenente Riccardo De Bellis. I militari, che in passato hanno denunciato la coppia per invasione di edifici e segnalato l’occupazione abusiva all’autorità competente, hanno eseguito tutti i rilievi del caso e raccolto la deposizione della donna. Della vicenda è stato informato il magistrato di turno, il sostituto procuratore Roberta Licci, che ha disposto per lunedì prossimo l’autopsia sul corpo dell’uomo. Un esame utile a stabilire con certezza le cause del decesso in una storia fatta di miseria, solitudine e dipendenza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Violento impatto fra due veicoli, ragazza di 19 anni in Rianimazione

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

Torna su
LeccePrima è in caricamento