Fiamme dolose: colpita l'automobile del gestore di un patronato

Ignoti nella notte, a Tuglie, hanno cosparso di benzina la Clio di un 60enne. L'uomo ha spento le fiamme prima che arrivassero i vigili del fuoco. Sul caso stanno indagando i carabinieri di Sannicola. Acquisite alcune immagini

Foto di repertorio.

TUGLIE – Misterioso atto intimidatorio a Tuglie. Nella notte, attorno alle 3,10, ignoti hanno cosparso di benzina e dato alle fiamme l’autovettura Renault Clio di un 60enne del posto. L’uomo è conosciuto nella sua comunità in quanto gestore di un patronato.

E’ stato lo stesso 60enne ad accorgersi delle fiamme che si stavano sprigionando all’esterno della sua abitazione, in via Varese, e a spegnerle usando dell’acqua, prima ancora che arrivassero i vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli, nel frattempo già avvisati.

Il fuoco ha danneggiato il cofano e non c’è ombra di dubbio che si sia trattato di un atto doloso: nelle vicinanze c’era ancora una bottiglia che gli attentatori hanno utilizzato per danneggiare il veicolo. Ora sul caso stanno indagando i carabinieri della stazione di Sannicola. I militari hanno acquisito i filmati di alcune videocamere delle vicinanze, nella speranza che possano fornire aiuto nella risoluzione del caso.

Quello di Tuglie non è stato, peraltro, l’unico incendio verificatosi nella notte. Un altro episodio è avvenuto a Tiggiano, dove a fuoco è andata un’autovettura, sulla circonvallazione. Anche in questo caso, sono intervenuti i vigili del fuoco, ma è stato un evento accidentale che non ha richiesto l'intervento dei carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Dove c'era il lido, ecco spuntoni e detriti: scattano di nuovo i sigilli

Torna su
LeccePrima è in caricamento