Entra con escoriazioni nel commissariato: "Mi hanno rapinato 750 euro"

La vittima un tunisino arrivato da poco a Gallipoli. Agli agenti ha spiegato che anche i malviventi erano stranieri. Indagini in corso

GALLIPOLI – S’è presentato nel primo pomeriggio al commissariato di polizia di Gallipoli con alcune escoriazioni a gambe e braccia. Ferie lievi, ma ancora aperte. Frutto di una caduta che sarebbe stata provocata da una rapina subita da poco. Una vicenda per la quale sono ora al lavoro gli agenti, che stanno approfondendo i dettagli della denuncia presentata e cercando eventuali videocamere in zona.  

La vittima è un giovane tunisino sulla trentina d’anni, che in passato ha vissuto in zona (aveva un’abitazione a Sannicola), ma che in questi giorni era da poco tornato a Gallipoli direttamente dalla nazione magrebina. Ai poliziotti ha spiegato di essere in visita nel Salento presso una sua cugina. E in tasca aveva ben 750 euro nel momento in cui sarebbero sbucati due soggetti con uno scooter, che l’avrebbero strattonato e fatto cadere malamente sull’asfalto. I soldi, custoditi nel portafogli, prestati da suo padre prima della partenza.

Anche i malviventi, ed è uno degli aspetti particolari, sarebbero stranieri. Il tunisino, infatti, ai poliziotti diretti dal vicequestore aggiunto Marta De Bellis, ha spiegato di averli ha sentiti parlare, qualche attimo prima di essere spinto, per intimargli quella che dovrebbe essere stata una minaccia, ma in una lingua che non ha saputo riconoscere. Tutto questo intorno all’una in via Gian Battista Vico, nel quartiere Lido San Giovanni della Città Bella. E, caduto per terra, a quel punto gli sarebbe stato sottratto il portafogli con tutto il denaro.

Il tunisino ha anche fornito una descrizione dei soggetti: li avrebbe visti abbastanza bene in volto, ovviamente senza conoscerne l'identità, perché, a parte i caschi, non avrebbero avuto altre coperture. E mentre è stato medicato sul poto per le quelle escoriazioni dai sanitari del 118, chiamati appositamente dal commissariato, una volante si è recata nella zona indicata per una perlustrazione, mentre la scientifica ha iniziato a sondare il campo a caccia di telecamere così utili, anche di recente, per chiudere il cerchio su delicate indagini.   

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Uccide la moglie e poi si toglie la vita: la tragedia nel centro di Zurigo

  • Cronaca

    Controlli a raffica, nel Salento oltre 1 milione di pezzi sequestrati

  • Politica

    Nuovo strappo di Quintana. “In maggioranza troppa arroganza. Via dalle commissioni”

  • Economia

    Cresce il numero delle aziende in provincia di Lecce. Favorito il settore agricolo

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta: ragazzino di 15 anni trovato senza vita nel letto dei genitori

  • Sgominata banda dei furti: tra gli otto arrestati anche il custode del depuratore di Taviano

  • Uccide la moglie e poi si toglie la vita: la tragedia nel centro di Zurigo

  • Scandalo del gasolio non raffinato: arrivano i primi risarcimenti

  • “Da Totò” spegne l’ultimo fornello. La città piange la morte lo storico ristoratore

  • Chiuso il cerchio sullo spaccio nelle Giravolte: in tre finiscono nei guai

Torna su
LeccePrima è in caricamento