Tutela ambientale e Noe, il generale Maurizio Ferla è il nuovo comandante

Per quattro anni, dal 2009 al 2013, ha guidato il comando provinciale dei carabinieri di Lecce. Ora un nuovo prestigioso incarico

Il generale Maurizio Ferla.

LECCE – Per quasi quattro anni, dal settembre del 2009 all’agosto del 2013, ha guidato il comando provinciale dei carabinieri di Lecce, raccogliendo una lunga serie di successi e di risultati nella lotta alla piccola e grande criminalità, oltre che nel controllo del territorio e della legalità, segnando in maniera indelebile la storia e l’aspetto sociale e culturale di una regione, capace di trasmettere in un territorio tanto vasto quanto complesso e pieno di problematiche, i valori della legalità, dell’ordine e la sicurezza pubblica. Da alcuni giorni, dopo aver ricoperto altri incarichi prestigiosi, il generale Maurizio Ferla, 56 anni, è al comando dei carabinieri per la Tutela ambientale che dirige i 29 Noe (Nuclei operativi ecologici) a livello nazionale.

Si tratta di un incarico importante in uno dei settori nevralgici nella lotta alla mafia e alla criminalità e ai reati legati ai rifiuti, agli illeciti nell’agroalimentare e nell'edilizia, e alla biodiversità. L'illegalità legata allo smaltimento illecito dei rifiuti e dei reati contro l'ambiente è stata fotografata dal Rapporto ecomafia di Legambiente. Un dossier che indica, nel 2017, un aumento delle ordinanze di custodia per crimini contro l'ambiente del 139,5 per cento rispetto all'anno precedente. Una crescita dovuta soprattutto alla lievitazione nel ciclo dei rifiuti, nelle filiere agroalimentari e nel racket animale. Si tratta di tematiche già affrontate dal generale Ferla negli anni trascorsi nel Salento, una terra da sempre violata dagli interessi criminali, tra inchieste e arresti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Riti di affiliazione mafiosa e mire del clan su concerti e bische. "La Scu è ancora viva"

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

Torna su
LeccePrima è in caricamento