Un malore in spiaggia non gli lascia scampo: perde la vita un anziano

L'ennesima tragedia è accaduta nella mattinata di ieri, a Lido Marini. Un uomo di 82 anni, da tempo residente in un'altra regione, non ce l'ha fatta

Foto di repertorio

LIDO MARINI (Ugento) – Accusa un malore e si accascia: l’ennesima tragedia in mare, sui litorale del Salento. E’ accaduto nella tarda mattinata di ieri a Lido Marini, la marina più meridionale di Ugento.  Nicola Cazzato, un 82enne originario di Presicce, da tempo residente in Piemonte, è spirato a causa, si presume, di un arresto cardiaco.

Il drammatico episodio davanti agli occhi degli altri bagnanti, i quali hanno subito prestato soccorso e allertato il 118. Gli operatori sanitari, però, non hanno potuto fare nulla per tenere in vita l’uomo. L’infarto non gli ha lasciato scampo. La sua salma è stata trasferita presso la camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove sarà eseguita l’autopsia nel corso delle prossime ore.

Sul luogo dell’accaduto, i carabinieri della stazione di Ugento, assieme ai colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia casaranese. Purtroppo, il mese di agosto è stato costellato di eventi simili in tutte le spiagge del Tacco. La tragica vicenda di ieri, che ha colpito nuovamente un anziano, è almeno la quainta nell'arco delle ultime settimane.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • Come annaffiare le piante quando sei in vacanza

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Boato in piazza, esplode una bombola da sub: auto sventrata

  • Autovelox su statali e provinciali: ridefiniti i tratti dove possono essere installati

Torna su
LeccePrima è in caricamento