Vetrate rotte in piazzetta Castromediano: nessuno interviene, danni ingenti

Sarebbero stati dei ragazzini, in prima serata e davanti a molti passanti, ad accanirsi sulle vetrate che danno sugli scavi archeologici. Il vice sindaco: "Atto vergognoso". Al vaglio le immagini delle telecamere

Una delle vetrate interamente danneggiate.

LECCE – Chi sono quei ragazzini che, probabilmente a furia di calci, si sono accaniti nella prima serata di ieri contro due delle vetrate che consentono la vista sugli scavi di piazzetta Castromediano, fino a cristallizzarli? Dove erano i loro genitori in quel momento e cosa facevano tutti coloro che, inevitabilmente, hanno assistito alla scena senza nemmeno allertare polizia locale o forze dell'ordine? Ci sono molti aspetti da chiarire su quanto accaduto ieri nel cuore di Lecce.

Erano infatti circa le sette e mezzo di sera quando si è verificato l’atto di vandalismo. L'amministrazione comunale aveva provveduto - solo due settimane addietro - a ripulire l'area archeologica ed illuminare il sito con lo scopo di valorizzare meglio di quanto fosse stato fatto in precedenza un angolo di centro storico che attira l’attenzione dei visitatori sia per la sua collocazione strategica, a due passi dalla basilica di Santa Croce e da piazza Sant’Oronzo, che per quegli scavi a vista che fanno da sfondo ai tanti locali pubblici. Si tratta di una piazzetta di transito e di sosta dove, va detto, è consuetudine vedere le coperture in ferro delle vetrate usate come scivoli, tipo parco giochi.

Il vicesindaco di Lecce con delega ai Lavori Pubblici, Alessandro Delli Noci, non usa mezzi termini: “È un fatto molto grave, un danno ingente che, per il suo ripristino, comporterà l'utilizzo di risorse pubbliche che avrebbero potuto essere destinate ad altro. Un fatto che pare sia accaduto intorno alle 19.30 nella totale indifferenza dei passanti che hanno lasciato che alcuni ragazzini - questo è stato riferito - saltassero sulle vetrate finché le stesse non sono andate in frantumi. Abbiamo denunciato quest'atto vergognoso e con l'aiuto delle telecamere, non appena saranno individuati i responsabili, l’amministrazione chiederà il risarcimento di tutti i danni subiti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'esponente della giunta richiama dunque il senso civico che dovrebbe animare tutti i cittadini: “Tutto questo ci insegna, qualora ce ne fosse bisogno, che ciascuno di noi, secondo le proprie responsabilità, può e deve prendersi cura dei beni comuni, che non sono né pubblici né privati ma di tutti e di cui tutti dobbiamo farci carico. Se vogliamo una città più bella e decorosa ognuno di noi deve metterci del proprio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Tenta rapina nel market, ma il cassiere reagisce. Arrestato dopo la fuga

  • Operazione “San Silvestro”, droga dall’Albania, scattano nove arresti

  • Spaccio di stupefacenti, armi e rapine, in 23 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento