Vende merce contraffatta, nonostante il decreto di espulsione dall’Italia: nei guai

Un 31enne senegalese, domiciliato a Corigliano d’Otranto, è stato denunciato dai carabinieri della compagnia di Maglie

Foto di repertorio.

CORIGLIANO D’OTRANTO – Un 31enne senegalese, B.K.R., domiciliato a Corigliano d’Otranto, è finito nei guai nella giornata di sabato: i carabinieri della compagnia di Maglie lo hanno infatti denunciato perché trovato senza permesso di soggiorno, perché risultato con un provvedimento di espulsione risalente al 27 settembre scorso, per aver introdotto prodotti contraffatti e per averli venduti. Risponderà, inoltre, anche di ricettazione.

Durante un controllo dei militari dell’Aliquota radiomobile, il 31enne è stato infatti trovato in possesso di numerosi capi di abbigliamento palesemente contraffatti e di dubbia provenienza. Il tutto è stato posto sotto sequestro.

Durante l’identificazione, però, il giovane straniero è anche risultato destinatario di un provvedimento emesso dal questore di Lecce, con cui gli si ordinava di lasciare il territorio italiano. Di concerto con l’ufficio Immigrazione, i militari gli hanno notificato un ulteriore provvedimento di espulsione. Tutta la merce presa contraffatta è finita nelle mani dei militari dell’Arma.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Vino adulterato: undici arresti e quattro aziende sequestrate dal Nas

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Violento nubifragio sferza il Salento. Strade allagate, centri in tilt

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Incendio nel parco di Punta Pizzo. Giallo sul ritrovamento di un cadavere

Torna su
LeccePrima è in caricamento