Vendeva i figli per sesso: la madre condannata a dodici anni

Due condanne nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte violenze sessuali consumate su due bambini. La mamma è stata condannata a 12 anni, mentre per un 22enne che avrebbe abusato di loro la pena inflitta è di sei anni

 

LECCE – Altre due condanne, a seguito di giudizio ordinario, nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte violenze sessuali consumate su due bambini: un maschietto di otto anni e una femminuccia di dieci (all’epoca dei fatti). I giudici della seconda sezione penale hanno condannato a 12 e 6 anni di reclusione la mamma delle due piccole vittime e un 22enne che avrebbe abusato di loro (nei suoi confronti i giudici hanno riconosciuto un vizio parziale di mente).

Il pubblico ministero Carmen Ruggiero aveva chiesto una condanna a 12 e 6 anni di reclusione. Il terzo presunto protagonista di questa terribile storia, Donato Cartelli, 54 anni, era già stato condannato a nove anni a seguito di giudizio con rito abbreviato, dinanzi al gup Giovanni Gallo, con l’accusa di violenza sessuale su minori. I tre furono arrestati il 24 maggio 2011 su ordinanza di custodia cautelare in emessa dal gip di Lecce Carlo Cazzella.

Il terzetto si sarebbe reso protagonista di una storia raccapricciante, di quelle che non si vorrebbero mai ascoltare, che sarebbe accaduta a Uggiano la Chiesa. La madre dei due bambini, una donna di 41 anni, avrebbe venduto per pochi euro la loro innocenza, consentendo che su di loro venissero compiuti terribili abusi. I fatti si sarebebro consumati tra il 2008 e il 2009. Un quadro davvero agghiacciante quello emerso dalle indagini, condotte dai carabinieri ed avviate dopo la denuncia presentata da parte degli assistenti sociali.

I quali, con sconcerto, si accorsero delle condizioni nelle quali vivevano i due piccoli. Secondo l'accusa, l'uomo avrebbe usato violenza nei confronti del bimbo di otto anni, afferrandolo per il collo e spingendolo contro il muro. Il tutto sarebbe avvenuto nell'abitazione dove la 41enne viveva insieme ai suoi due figli, poi affidati ad un'altra famiglia. A violare la loro infanzia sarebbero state cinque persone, tre delle quali minorenni (la cui posizione è al vaglio del Tribunale per i minorenni).

Nel corso dell'inchiesta le accuse di pedofilia furono contestate anche nei confronti di un 22enne, condannato come detto a sei anni. Risponde invece di favoreggiamento alla prostituzione e maltrattamenti in famiglia la madre delle due presunte vittime. La quale non solo avrebbe lasciato i suoi figli alla mercé dei suoi amici, ma avrebbe anche permesso che i due bambini assistessero ai rapporti sessuali che la donna aveva con diversi uomini. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (19)

  • ... peccato che non c'è la certezza della pena... ricordo le parole di mia nonna buona anima... "figlio mio all'epoca di mussolini, ste cose non accadevano".. non tifo nessun schieramento politico in quanto pensano solo alle loro tasche... ma ste parole.. a voi decidere se vanno bene in questo contesto ed altri... saluti

  • fosse successo in un paese mussulmano li avrebbero condannati a morte per lapidazione...mamma snaturata,ma come si può giungere a tanto,davvero incredibile!!!!

  • ....il ventiduenne farà si e no tre anni e mezzo quattro, ma anche fossero 5, 10 o 20, ma che cavolo di pena è in confronto alle pene dell'inferno che hanno passato i due ragazzini??!!??!!??  passeranno solo qualche anno di villeggiatura a spese di noi contribuenti e poi.....TUTTO COME PRIMA, CON IL RISCHIO CONCRETO CHE VIOLENTINO L'INFANZIA DI ALTRI POVERI INNOCENTI!!!!! 

  • Spero solo che non ci siano sconti di buona condotta e altre cose! devono scontare tutta la pena...non un minuto di meno...che schifo!

  • il codice penale prima e la magistratura poi, dovrebbero assicurare che la pena sia proporzionale alla gravità del reato. La condotta di questa mamma è disumana e le conseguenze per i suoi bambini, per la loro serenità e il loro futuro....inimmaginabili; meritava senz'altro una pena più pesante! Uno Stato civile deve assicurare la massima tutela ai bambini. Sono una mamma e non oso immaginare in che clima bestiale queste creature siano state costrette a crescere..

  • come può essere possibile una cosa del genere...altro che "isolamento", buttiamoli in sezione insieme agli altri detenuti...e questo quello che si meritano, di essere torturati fino al suicidio. MA COME è POSSIBILE!!!!

  • Capiscoche non si dice il nome della mamma per tutelare i bambini, ma mettete il nome del ""enne miserabile violentatore. Basta con tante tutele.

  • ....ma stiamo scherzando????? ma stiamo IMPAZZENDO su questo pianeta!!!!! questo è il valore che si da a due poveri bambini VIOLENTATI nel fisico ma soprattutto nel loro ANIMO X SEMPRE. Non dico di AMMAZZARLI in pubblica piazza, ma dargli l'ergastolo mi sembra il minimo che si potesse fare. Ma se fosse accaduta una cosa del genere al figlio/a di qualche P.M. o comunque a qualche personaggio di potere si avrebbero avute le stesse pene???? Non penso proprio, e con questa sentenza RIDICOLA, ASSURDA, la legge questa volta ha PERSO e alla grande pure. I BAMBINI NON SI TOCCANO, l'unica cosa innocente in questa società allo sbando, piena di perversioni, gente depravata, pedofili eccc.... Bravi, continuiamo a difendere questi PORçi MALEDETTI, e buttiamo al cesso questi poveri bambini, che rappresentano il FUTURO della nostra società, ma se si continua di questo passo.......NE FUTTIMU A ROTA E L'ASSO:!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • ....questa sentenza, se così si può chiamare, caro P.M. è una vera BARZELLETTA,

  • pochi sono!!!

  • poveri bambini... sono un'educatrice e so quanto devastante sia un passato del genere soprattutto su dei bambini così piccoli e innocenti... ogni giorno, ogni momento della vita porta i segni di tutto ciò ed è difficilissimo cercare di farli sorridere. è un' utopia cercare di far dimenticare il tutto... impossibile... spero che possano tornare a sorridere, prima o poi....

  • non meritava il dono di diventare mamma !!!!!!!!!!! ke donna skifosa !!!!!!!!

    • Ma credo altrettando "schifosi" chi accedeva a tale, diciamo, richiamo,.....ma alla fine tutti ci scandaliziamo, ma son sicuro al 99% che la gente del paese sapeva, ma non parlava per farsi i fatti suoi !!!  :-(

      • Le posso assicurare che la gente del paese in questione e che lei ritiene omertosa e per questo complice con il silenzio, non poteva sapere degli abusi su quei bambini. Si tenga per lei queste "facili" considerazioni che non servono a nulla. E una sofferenza sapere di queste atrocità e non servono i moralisti in pectore.

  • Sono casi di cui solo l'1% viene fuori o scoperto dalle forze dell'ordine. Una madre che vende i propri figli non conosce il significato ed il valore della vita! Ma la cosa più grave è che al posto di difendere i propri figli pagando con la vita, come massimo sacrificio, ha pensato bene di vendere quella di due poveri angioletti per godersi la propria!!!!!!!! Questa è la gente che merita la pena capitale!

  • è assurdo processare questa belva per "favoreggiamento alla prostituzione" (dopo la terza fase del processo sarebbe condannata a qualche anno di carcere) qua si sta parlando di reati terribili. malata di mente, drogata, alcolista o quant'altro non importa deve pagare a vita quanto commesso. al pari tutti i compari ancora più colpevoli della stessa donna

  • @#?*%$iiiiiiiiiiiiiiii

  • Mi viene da piangere....

  • Non meritano nessuna pietà e nessun commento. Bisogna farli morire a pane e sale.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Precipita dal tetto del capannone che voleva comprare, muore sul colpo

  • Cronaca

    Ingegnere morì cadendo dal solaio, “sconto” in Appello per Adelchi e Luca Sergio

  • Attualità

    Il presidente sul terminale del gasdotto: "Il governo imponga decreto per la Seveso"

  • Cronaca

    Ore d'ansia per una famiglia: si cerca un 78enne scomparso a Lecce

I più letti della settimana

  • Fa un incidente e chiede aiuto: il "soccorritore" tenta di stuprarla

  • Brucia e crolla capannone della ditta edile. Si temono danni per la salute

  • Vigilante si uccide con una pistola: secondo suicidio simile in poche ore

  • Misteriosa “rapina” a un corriere, scoperto l’autore: è la stessa vittima

  • Brillantante servito invece di acqua, ispezioni di Nas e Asl nel bar

  • Precipita dal quarto piano del tribunale: grave un praticante avvocato salentino

Torna su
LeccePrima è in caricamento