Vicenda filobus e tangenti, rinviato a giudizio Massimo Buonerba

Si aprirà il prossimo 5 giugno, dinanzi ai giudici della seconda sezione, il processo nei confronti dell'ex consulente

LECCE – Si aprirà il prossimo 5 giugno, dinanzi ai giudici della seconda sezione penale, il processo nei confronti di Massimo Buonerba (l'ex consulente giuridico dell'allora sindaco di Lecce Adriana Poli Bortone), coinvolto nell’inchiesta sulle presunte tangenti legate al progetto del filobus nel capoluogo salentino. Il giudice Giovanni Gallo, dopo una lunga camera di consiglio, ha rigettato l’istanza di trasferimento del procedimento a Roma avanzata dal legale di Buonerba (unico imputato), l’avvocato Sabrina Conte. La posizione dell'ingegnere Giordano Franceschini, (arrestato il 21 novembre 2011 e poi liberato dal Tribunale del Riesame), assistita dall’avvocato Andrea Sambati, è stata stralciata e poi archiviata. Secondo l’ipotesi accusatoria Buonerba avrebbe ricevuto una cifra superiore ai 650mila euro per l’affaire filobus. Si sono costituiti parte civile lo stesso Franceschini e il Comune di Lecce, con l’avvocato Tiziana Bello.

Al centro della vicenda giudiziaria il denaro, un fiume di soldi pari a circa 2,8 milioni di euro, finiti sui conti svizzeri del professore salentino, di cui il 63enne leccese non ha voluto fornire spiegazioni neanche in sede d’interrogatorio di garanzia. Ed è proprio dai quei conti correnti sequestrati dalla Procura federale di Lugano, circa 2 milioni di euro presso la Buonerbacarcere-2banca Kbl e 800mila euro presso l’istituto di credito Pkb, che è nata l’informativa della magistratura elvetica che ha dato avvio all’inchiesta della Procura della Repubblica di Lecce.

Massimo Buonerba.-2 (1)-3Un fiume di denaro sospetto che ha portato all’apertura di un fascicolo prima del procuratore di Lugano, Pierluigi Pasi, e poi dell’allora procuratore Cataldo Motta. Soldi che secondo gli inquirenti, farebbero riferimento a tangenti legate a uno dei progetti più discussi e controversi della storia recente del capoluogo salentino: quello del filobus.

L'accusa ipotizzata inizialmente nei confronti del professore leccese dalla Procura di Lecce (e per cui fu emessa la misura cautelare dal gip Antonia Martalò) era di concussione. Il Tribunale del Riesame aveva poi derubricato il capo d'imputazione da concussione a corruzione. Buonerba aveva lasciato il carcere dopo novanta giorni.

Oltre a Franceschini e Buonerba, nel registro degli indagati erano finiti il figlio Roberto; l’ex funzionario di una banca di Lugano Angelo Ferrari e altri suoi due familiari: Renata e Olivier; l’imprenditore bolognese Giorgio Zoboli; Nicoletta Messina; il faccendiere Federico De Vittori (arrestato a Lugano nell’ambito di un’altra inchiesta); Dario Fabbriciani, titolare della ditta Broker Fada e Giampiero Della Massa. Per loro, le ipotesi di reato a vario titolo sarebbero di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, riciclaggio e favoreggiamento. Le loro posizioni sono state stralciate e inviate per competenza alla Procura di Milano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Ovviamente poli bortone perrone paolo e Compagnia bella poverini erano totalmente all'oscuro di questi soldi. Come sempre accade nella politica tutto avviene a loro insaputa.

  • Un'opera che non serve a nulla. ..bruttissima in una città bellissima...!

    • In una citta ex bellissima vorrai dire

  • però, che rapidità queste indagini. Scommettiamo che cadrà tutto in prescrizione? L'unica speranza è che cada un palo nero in testa a questi signori che hanno distrutto Lecce

    • sicuramente...però sarebbe bello far pagare tutte le spese, comprese quelle per eliminare lo scempio del filobus all'adriana, al paolino e a tutti i complici di cotanta bella iniziativa......

    • Oltre a distruggerla, se le accuse verranno confermate, l'avrebbero anche derubata.

      • Basterebbe che il Nostro Premier non eletto dal Popolo Gentiloni dia impulso al redditometro e via con le confische a Tutti i Parassiti dello Stato !

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ammanchi dai conti dei turisti: indagati il titolare e il dipendente di un hotel

  • Incidenti stradali

    Auto con famiglia a bordo contro barriera spartitraffico: gravi madre e figlia

  • Cronaca

    Si mostra teso davanti alla polizia, scatta perquisizione: trovato con la cocaina

  • Cronaca

    Uno frantuma vetri di 5 auto, l’altro quelli di un’ambulanza: nei guai

I più letti della settimana

  • Frontale sulla strada del mare: ragazza deceduta, due codici rossi

  • Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Spostato dalla barella, cade cocaina: il ferito indagato per spaccio

  • Il nuovo pentito della Scu: “La mia latitanza anche a Porto Cesareo”

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

  • Violenta lite in famiglia. Colpisce con un coltello la cognata: arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento